Lampedusa, 21 agosto 2019 - Open Arms è entrata in porto a Lampedusa, e ha attraccato con gli ultimi 83 migranti superstiti, dopo che tanti altri si erano allontanati alla spicciolata, di propria iniziativa, raggiungendo a nuoto la riva. Sul molo sono stati ammessi per offrire accoglienza, acqua e viveri, il parroco Carmelo La Magra e una trentina di persone, tra fedeli e attivisti. Dopo l'ispezione sulla Open Arms il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha disposto il sequestro preventivo della nave con l'obbligo di sbarcare tutti quanti. Finisce così, dopo 19 giorni in mare, il caso dell'imbarcazione della ong bloccata davanti a Lampedusa. La tensione a bordo era altissim. In tarda mattinata nove persone si erano tuffate per tentare di raggiungere a nuoto la riva di Lampedusa, distante circa 700 metri, ed erano stati recuperati dalla Guardia Costiera. Un episodio simile era accaduto domenica: in 5 si erano lanciati in mare ed erano stati ripresi dagli attivisti della Ong spagnola. Intanto dalla Spagna è arrivata la notizia che Madrid avrebbe inviato una nave militare, dalla base di Rota, a Cadice, per trasferire i migranti a Maiorca.

SCHERMAGLIE - Intemperanze fuori dalla zona rossa del molo, all'uscita del primo pulmino con i migranti appena sbarcati. La gran parte dei presenti applaudiva e dava segni di benvenuto, mentre un gruppetto guidato dalla leghista Angela Maraventano ha contestato l'operazione, accusando anche i cronisti di essere schierati dalla parte dei migranti "che danneggiano l'immagine dell'isola". Le forze dell'ordine hanno poi hanno chiesto ai cameramen di allontanarsi per smorzare i dissidi tra le due fazioni

LA FRANCIA PARTECIPA.- La Francia è disposta ad accogliere parte dei migranti che si trovano a bordo della Ocean Viking, "allo stesso livello" di quanto promesso per la Open Arms. Lo ha affermato il ministro dell'Interno francese, Cristophe Castaner. "Siamo impegnati sulla Open Arms e allo stesso modo lo saremo sulla Ocean Viking", ha dichiarato. Rispetto alla Open Arms, Parigi ha promesso di farsi carico di 40 migranti. Sulla Ocean Viking, delle Ong Sos Mediterranee e Msf, si trovano 356 migranti

image

15 MIGRANTI IN MARE - Una volta recuperati dall'acqua i profughi sono stati portati a terra, al molo Favaloro di Lampedusa, e hanno ricevuto assistenza medica. Qui, dopo una prima ispezione sanitaria, 7 sono stati fatti salire su un pullmino diretto al centro di accoglienza. Uno è stato portato via in barella, su un'ambulanza a bordo della quale c'era anche un altro migrante del gruppo. Nemmeno a un'ora di distanza altre persone si sono lanciate in mare, abbandonando l'imbarcazione. La motovedetta della Guarda Costiera, che stazione vicino alla Open Arms, si è subito mossa per soccorrerli.

TURISTI SCATTANO FOTO - Mentre i profughi si dibattevano in acqua ed erano in corso le operazioni di soccorso, decine di turisti a Lampedusa hanno scattato fotografie. Alcuni di loro si sono attrezzati con bastoni per i selfie per inquadrare meglio i momenti drammatici che si consumano a poche centinaia di metri dalla costa. 

PROCURATORE DI AGRIGENTO - E' durata un'ora circa l'ispezione a bordo della Open Arms del procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, accompagnato da due medici. Patronaggio è arrivato intorno alle 14.30 a Lampedusa, in elicottero, e, condotto da una motovedetta della Guardia costiera è salito poco dopo a bordo della imbarcazione della ong. Ha parlato di una "situazione esplosiva", spiegando: "Devo riportare la calma e fare in modo che nessuno si faccia male". Dopo l'ispezione due altri migranti sono stati evacuati per emergenza sanitaria. E in seguito il procuratore ha disposto il sequestro preventivo della nave e lo sbarco dei migranti ancora a bordo. Oltre all'inchiesta per sequestro di persona avviata nei giorni scorsi come atto dovuto dopo l'esposto della ong spagnola, i magistrati hanno aperto un fascicolo a carico di ignoti per omissione e rifiuto di atti d'ufficio. La Open Arms, dopo il sequestro, sarà trasferita al porto di Licata, il provvedimento è già stato notificato.

OPEN ARMS: FINISCE INCUBO - "La Procura di Palermo dispone lo sbarco immediato di tutte le persone a bordo #Openarms nel porto di #Lampedusa. Finalmente l'incubo finisce e le 83 persone rimaste riceveranno assistenza immediata in terra". Così la ong Open Arms su Twitter. 

SALVINI CONTRO PROCURA - "La procura di Agrigento sta per emettere un provvedimento di sequestro per la Open Arms con ordine di sbarco delle persone: c'è una procura che supera un'indicazione che non viene tanto dal ministero ma che viene dal popolo, dalla legge", è la reazione del leader della Lega nella diretta Facebook dal suo studio del Viminale.  "Molto probabilmente mi arriverà un'altra denuncia, perchè la Procura di Agrigento ha aperto un procedimento 'contro ignoti' per abuso d'ufficio. Sono curioso di sapere come si chiameranno questi ignoti, credo Matteo Salvini...". In precedenza Salvini, aveva ribadito la sua "linea della fermezza": "Gli italiani vogliono i porti chiusi" e ribadiva: "La linea della fermezza è l'unico modo per evitare che l'Italia torni a essere il campo profughi d'Europa, come dimostrato anche in queste ore con la nave Ong spagnola dei finti malati e dei finti minori".