Venerdì 14 Giugno 2024

Maturità 2023, le materie: latino al Classico e matematica allo Scientifico

Il ministro Valditara ha firmato il decreto. Tutte le discipline della seconda prova. Due scritti e l'orale, come prima del Covid

Maturità

Maturità

Roma, 26 gennaio 2023 - Sono state scelte le materie per l'esame di Maturità 2023: Latino al Liceo classico, Matematica al Liceo scientifico. E poi Economia Aziendale per gli Istituti tecnici del Settore economico indirizzo 'Amministrazione, Finanza e Marketing', Progettazione, costruzioni e impianti per l'indirizzo 'Costruzioni, Ambiente e Territorio'. Il ministro dell'Istruzione Valditara ha firmato il decreto. 

Per conoscere le discipline oggetto della seconda prova e quelle affidate ai commissari esterni è disponibile un apposito motore di ricerca (https://visualizzamaterieesame.static.istruzione.it/). Questi alcuni esempi di discipline oggetto di seconda prova:

Licei

Latino per il Liceo classico; Matematica per lo Scientifico, anche per l'opzione Scienze applicate e la Sezione ad indirizzo Sportivo; Lingua e cultura straniera 1 per il Linguistico; Scienze umane per il Liceo delle Scienze umane (Diritto ed Economia politica all'opzione Economico-sociale); Discipline progettuali caratteristiche dei singoli indirizzi per il Liceo artistico; Teoria, analisi e composizione per il Liceo musicale; Tecniche della danza per il Liceo coreutico.

Istituti tecnici

Economia aziendale per l'indirizzo 'Amministrazione, Finanza e Marketing'; Economia aziendale e Geo-politica nell'articolazione 'Relazioni internazionali per il marketing' e Discipline turistiche e aziendali per l'indirizzo Turismo; Progettazione, costruzioni e impianti per l'indirizzo 'Costruzioni, Ambiente e Territorio', per 'Informatica e Telecomunicazioni', Informatica e Telecomunicazioni per i rispettivi indirizzi; Progettazione multimediale nell'indirizzo 'Grafica e comunicazione'; Produzioni vegetali per gli indirizzi agrari, Enologia per l'articolazione 'Viticoltura ed enologia'.

Istituti professionali previgente ordinamento (esclusivamente nell'istruzione degli adulti)

Scienza e cultura dell'alimentazione per l'indirizzo 'Servizi per l'Enogastronomia e l'ospitalità alberghiera' articolazione Enogastronomia, Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva nell'articolazione Accoglienza turistica; Tecniche professionali dei servizi commerciali per l'indirizzo 'Servizi commerciali'; Tecniche di produzione e di organizzazione per l'indirizzo 'Produzioni industriali e artigianali', articolazione Industria. 

Due scritti e l'orale, come prima del Covid

Un'altra importante novità riguarda la struttura dell'esame. Dopo tre anni scolastici in cui la Maturità ha visto rilevanti modifiche dovute al Covid, quest'anno l'esame torna a svolgersi secondo le modalità definite dal decreto legislativo 62/2017. L'esame si svolgerà così: una prima prova scritta di Italiano, comune a tutti gli indirizzi di studio, che si svolgerà dalle 8.30 di mercoledì 21 giugno 2023; una seconda prova scritta, riguardante le discipline caratterizzanti i singoli percorsi di studio (per i Professionali delineati dal d.lgs. n. 61/2017, che quest'anno giungono per la prima volta all'Esame di Stato, la seconda prova scritta non riguarda più specifiche discipline ma le competenze in uscita e i nuclei tematici fondamentali di indirizzo alle stesse correlati); il colloquio, che ha l'obiettivo di accertare il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale della studentessa e dello studente.

Nel corso del colloquio, il candidato espone anche le esperienze svolte nell'ambito dei percorsi per le competenze trasversali e per l`orientamento (PCTO) e le competenze acquisite nell'ambito dell'Educazione civica. Le Commissioni d'esame sono composte da un presidente esterno, da tre membri esterni e tre interni all`istituzione scolastica. È prevista una terza prova scritta in alcuni indirizzi di studio (sezioni EsaBac, EsaBac techno, sezioni con opzione internazionale, scuole della Regione autonoma Valle d`Aosta, della Provincia autonoma di Bolzano e scuole con lingua d`insegnamento slovena e bilingui sloveno/italiano del Friuli-Venezia Giulia).