Maturità 2024: ecco le materie del secondo scritto

Greco al liceo classico, matematica al liceo scientifico. L’esame inizierà il 19 giugno: come funziona e come è composta la commissione

Esame di maturità (foto Imagoeconomica)

Esame di maturità (foto Imagoeconomica)

Roma, 29 gennaio 2024 - Greco al liceo classico, matematica al liceo scientifico: queste le materie del secondo scritto il prossimo 20 giugno agli esami di Maturità che interesseranno 500 mila studenti. Economia Aziendale per gli Istituti tecnici del Settore economico indirizzo ‘Amministrazione, Finanza e Marketing’; Topografia per l'indirizzo ‘Costruzioni, Ambiente e Territorio’. E ancora: Sistemi e reti per entrambe le articolazioni dell'indirizzo ‘Informatica e Telecomunicazioni’; Progettazione multimediale nell'indirizzo ‘Grafica e comunicazione’; Trasformazione dei prodotti per l'articolazione ‘Produzioni e trasformazioni’ degli Istituti agrari (Viticoltura e difesa della vite per l'articolazione ‘Viticoltura ed enologia’).

Come funziona l’esame

L'Esame conclusivo del secondo ciclo d'istruzione si svolge secondo la struttura definita dal decreto legislativo 62/2017: una prima prova scritta di Italiano, comune a tutti gli indirizzi di studio, che si svolgerà dalle ore 8.30 di mercoledì 19 giugno 2024; una seconda prova scritta, riguardante le discipline caratterizzanti i singoli percorsi di studio (per i Professionali delineati dal d.lgs. n. 61/2017, la seconda prova scritta non riguarda specifiche discipline ma le competenze in uscita e i nuclei tematici fondamentali di indirizzo alle stesse correlati); il colloquio, che ha l'obiettivo di accertare il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale della studentessa e dello studente. Nel corso del colloquio, il candidato espone anche le esperienze svolte nell'ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento (Pcto) e le competenze acquisite nell'ambito dell'Educazione civica.

Le Commissioni d'esame sono composte da un presidente esterno, da tre membri esterni e da tre interni all'istituzione scolastica.

È prevista una terza prova scritta in alcuni indirizzi di studio (sezioni EsaBac, EsaBac techno, sezioni con opzione internazionale, scuole della Regione autonoma Valle d'Aosta, della Provincia autonoma di Bolzano e scuole con lingua d'insegnamento slovena e bilingui sloveno/italiano del Friuli Venezia Giulia).