Domenica 14 Luglio 2024

Giornata della Terra, il doodle di Google è su Jane Goodall

Il motore di ricerca 'intervista' l'etologa inglese famosa per i suoi studi sulla vita sociale degli scimpanzè La black list dei cibi che inquinano di più Giornata della Terra, nel 2018 è 'guerra' alla plastica Giornata della Terra: il film e le serie TV imperdibili

Giornata della Terra, un frame del doodle di Google dedicato a Jane Godall

Giornata della Terra, un frame del doodle di Google dedicato a Jane Godall

Roma, 21 aprile 2018 - Anche Google ricorda la Giornata della Terra, E lo fa con un video dell'etologa e antropologa 84enne Valerie Jane Morris-Goodall, meglio nota come Jane Goodall, famosa soprattutto per la sua 40ennale ricerca sulla vita sociale e familiare degli scimpanzé. Jane Goodall dirige l'organizzazione  che porta il suo nome e che si occupa dello studio e della protezione dei primati in diverse zone del mondo.

Giornata della Terra: il film e le serie TV imperdibili

La black list dei cibi che inquinano di più

Giornata della Terra, nel 2018 è 'guerra' alla plastica

I suoi studi  sugli scimpanzé del Parco Gombe portarono a risultati fondamentali nella comprensione del comportamento e dell'apprendimento sociale di questi animali, dei loro processi di pensiero, e della loro cultura. Inoltre, gli studi di Goodall consentirono di chiarire le differenze fra scimpanzé e bonobo, e di identificare entrambe le specie come ominidi (insieme ai gorilla). Uno dei maggiori contributi della Goodall nel campo della primatologia è stata la scoperta dell'uso di utensili da parte degli scimpanzé: scoprì che questi animali sono soliti utilizzare, ad esempio, degli stecchini per "pescare" le termiti all'interno dei loro nidi, le larve od i galagoni dalle cavità dei tronchi d'albero od il miele dagli alveari, o ancora l'utilizzo di pietre per rompere i gusci dei semi più duri. 

image

La Goodall si differenziò dagli studiosi convenzionali in quanto, pur non interferendo con le attività dei gruppi da lei studiati, era tuttavia solita dare dei nomi ai singoli esemplari, anziché marcarli con codici alfanumerici come consueto.