22 gen 2022

Covid in Italia: bollettino e contagi del 22 gennaio. Dati regioni: ricoveri in calo

I nuovi contagi sono 171.263, altri 333 morti. Calano ricoveri e terapie intensive. In Lombardia 31.164 contagi e 82 decessi, in Veneto 18.773 casi, 17.887 in Emilia Romagna e 14.821 nel Lazio

Roma, 22 gennaio 2022 - Si aprono spiragli nel bollettino Covid di oggi che fotografa l'andamento dell'epidemia di Coronavirus in Italia. I nuovi casi sono 171.263, in leggero calo rispetto a 24 ore fa, con altri 333 morti registrati nelle ultime 24 ore, un dato ancora elevato anche se inferiore a ieri quando i decessi erano stati 373.

Secondo alcuni esperti siamo su una sorta di picco allargato - un plateau - di contagi, con Omicron che ha fatto schizzare drasticamente il numero dei nuovi casi nell'ultimo mese. Si attende ora con fiducia, tenendo sempre alta la guardia, la discesa della curva. Segnali incoraggianti arrivano dai dati di ricoveri e terapie intensive, la cui crescita sembra aver leggermente frenato rispetto alle scorse settimane e che oggi addirittura mostrano entrambi un segno meno. 

Il bollettino Covid del 22 gennaio
Il bollettino Covid del 22 gennaio

Sommario

Approfondisci:

Novavax in Italia a febbraio: come funziona e quello che c'è da sapere

Il bollettino del 22 gennaio 2022

La tendenza della curva epidemica in Italia appare in calo. È un segnale che aspetta però conferme per poter consolidare la tendenza. I nuovi casi sono oggi 171.263, contro i 179.106 di ieri e soprattutto i 180.426 di sabato scorso: una riduzione settimanale del 5%.

Con 1.043.649 tamponi, oltre 70mila in meno rispetto a ieri, tanto che il tasso di positività sale dal 16% al 16,4%. I decessi sono 333 (ieri 373), per un totale di 143.296 vittime dall'inizio dell'epidemia. Tornano a scendere contemporaneamente sia i ricoveri che le terapie intensive, come non accadeva da due mesi: le rianimazioni sono 31 in meno (ieri +9) con 121 ingressi del giorno, e calano a 1.676, mentre i ricoveri ordinari sono 43 in meno (ieri -174), 19.442 in tutto. 

Attualmente i positivi sono 2.723.949 (+28.246), 2.702.831 le persone in isolamento domiciliare. I dimessi/guariti sono 6.913.946 con un incremento di 148.756 unità nelle ultime 24 ore. La regione con il maggior numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore è la Lombardia (31.164), poi il Veneto (18.773), l'Emilia-Romagna (17.887) e il Lazio (14.821).

Il confronto con il 22 gennaio 2021

Il confronto tra il bollettino di oggi e quello di 12 mesi fa evidenzia il cambio di scenario. Mezzo milione di malati attivi un anno fa contro i 2,7 milioni di oggi, ma 24mila ricoveri contro i 21mila di oggi, con 472 decessi, contro i 333 di oggi. Il 22 gennaio di un anno fa i malati erano 502.053, di cui 24.081 erano in ospedale (21.691 nei reparti ordinari e 2.390 in terapia intensiva): quasi 5 positivi su 100 avevano bisogno del ricovero. Oggi i malati attivi sono oltre cinque volte tanto, 2.723.949, di cui però sono in ospedale 21.118 pazienti (19.442 nei reparti ordinari a 1.676 in intensiva): lo 0,8% del totale è ricoverato, mentre il 99,2% affronta il virus a casa. La forbice è rimasta evidente anche in termini assoluti per quanto riguarda i decessi: il picco della seconda ondata raggiunse quota mille vittime in un giorno, in questa quarta ondata, che sembra declinare, non abbiamo nemmeno raggiunto quota 500. Anche un anno fa, con l'ondata già in netta ritirata da settimane, i morti furono 472, oggi 333.

Dpcm in Pdf: ecco i negozi senza Green pass

Il punto

Diffuso oggi il report dell'Istituto superiore di sanità (Iss) che evidenzia come dal 24 agosto scorso al 9 gennaio 2022 siano stati segnalati 108.886 casi di reinfezioni, pari a 2,7% del totale dei casi notificati. Nell'ultima settimana la percentuale di reinfezioni (3,2%) risulta stabile rispetto alla settimana precedente (3,4%). Una probabilità che risulta più elevata nei non vaccinati rispetto ai vaccinati con almeno una dose e negli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione.

Covid oggi: i dati dell'Italia del 23 gennaio. Bollettino dei contagi dalle regioni 

Quattro regioni passano in arancione da lunedì / Le regole

Nello stesso report si sottolinea come il tasso di ricoveri in terapia intensiva per gli over 12 sia di 31,3 casi ogni 100mila per i non vaccinati, circa trentanove volte più alto rispetto ai vaccinati con dose booster che registrano un tasso di 0,8 ogni 100mila. Il tasso di ospedalizzazione standardizzato è di 248,5 ricoveri per 100.000 abitanti per i non vaccinati contro 20,8 ricoveri per 100.000 dei vaccinati con dose booster (circa 12 volte più alto), mentre il tasso di mortalità è di 52,9 decessi per 100.000 nei non vaccinati over 12 contro un tasso di 1,6 per i vaccinati con booster, circa 33 volte più alto. Notizie contrastanti giungono dall'estero dove l'Irlanda ha revocato oggi le principali restrizioni anti Coronavirus. La Germania invece è nel pieno di un'ondata Omicron, avendo quadruplicato i contagi in soli 5 giorni. 

News dalle Regioni / Lombardia

Oggi in Lombardia si sono registrati 31.164 casi di Covid-19 e 82 morti. I tamponi processati sono 214.099, per un indice di positività del 14,5%. I pazienti Covid ricoverati in area medica scendono a 3.461 (-42) con un'occupazione del 33,1%; mentre i contagiati in terapia intensiva calano a 274 (-2) con un'occupazione del 15,1%. I lombardi in isolamento domiciliare sono 479.813, mentre i guariti +54.699. Nelle province lombarde si contano: 9.131 casi nel Milanese, di cui 3.546 a Milano citta'; a Bergamo 3.018; Brescia 4.439; Como 1.838; Cremona 1.163; Lecco 888; Lodi 686; Monza e Brianza 2.547; Mantova 1.542; Pavia 1.598; Sondrio 671; Varese 2.699.

Veneto

Il Veneto registra 18.773 nuovi contagi al Covid nelle ultime 24 ore, un dato un leggero calo (19.117 quello di ieri) e 38 vittime nelle ultime 24 ore. Il totale degli infetti dall'inizio della pandemia sale a 993.986, quello dei decessi a 12.926. Comincia a scendere il numero delle persone positive e in isolamento a casa, 277.831 (- 1.426), mentre è significativa la frenata dei ricoveri ospedalieri: i posti letto occupati da malati Covid in area medica sono 1.744 (-21), in terapia intensiva 189 (-14). 

Emilia Romagna

In Emilia-Romagna dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus si sono registrati 913.835 casi di positività, 17.887 in più rispetto a ieri, su un totale di 75.815 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 23,6%. Vanno aggiunti 1.350 nuovi casi registrati a Ferrara e provincia da ieri, che per un problema di rilevamento non è stato possibile caricare da parte della Ausl. I dati verranno recuperati nei prossimi giorni. Il totale complessivo odierno sarebbe quindi di 19.237 casi. I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell'Emilia-Romagna sono 142 ( -3 rispetto a ieri, pari a -2,1%) l'età media è di 62,7 anni. Sul totale, 84 non sono vaccinati (zero dosi di vaccino ricevute, età media 61,8 anni), il 59,1 %; 58 sono vaccinati con ciclo completo (età media 64,1 anni). Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 2.467 (+8 rispetto a ieri, +0,3%), età media 69,8 anni. Si registrano 29 decessi.

Lazio

Oggi nel Lazio, su 14.821 tamponi molecolari e 87.107 tamponi antigenici per un totale di 110.232 tamponi, si registrano 14.821 nuovi casi positivi (-493), mentre sono 13 i decessi (-13), 1.945 i ricoverati (-1), 206 le terapie intensive (-1) e +7.081 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 13,4% e casi a Roma città sono a quota 7.488. Lo comunica in una nota l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, sottolineando che oggi sono "in calo i decessi, i ricoveri e le terapie intensive".

Campania

In Campania, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 14.416 positivi al Coronavirus (9.765 al test antigenico e 4.651 al tampone molecolare), dati che tengono conto dell'aggiornamento sulle misure di quarantena e isolamento del ministero della Salute. Sono 14 i decessi, di cui 8 morti in precedenza ma registrati ieri. A comunicarlo l'Unità di crisi regionale. I tamponi processati ieri sono stati 93.955 di cui 60.497 test antigenici e 33.498 molecolari. Il report posti letto su base regionale riporta 786 posti letto di terapia intensiva disponibili, di cui 101 occupati mentre i posti letto di degenza disponibili, tra posti letto Covid e offerta privata 3.160, di cui 1.348 occupati.

Piemonte

In Piemonte si registrano 13.378 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 11.469 dopo test antigenico), pari al 13,6% di 98.285 tamponi eseguiti, di cui 84.709 antigenici. Dei nuovi casi gli asintomatici sono 11.518 (86,1%). I ricoverati in terapia intensiva sono 142 (+0 rispetto a ieri), negli altri reparti sono 2.085 (+32 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 170.753. I tamponi diagnostici finora processati sono 13.569.321 (+98.295 rispetto a ieri). Sono 11, 1 di oggi, i decessi di persone positive. Il totale diventa quindi 12.451 deceduti risultati positivi al virus. I pazienti guariti diventano complessivamente 599.278(+ 12.872 rispetto a ieri), così suddivisi su base provinciale: 51.917 Alessandria, 29.738 Asti, 21.775 Biella, 86.130 Cuneo, 50.357 Novara, 309.002 Torino, 21.144 Vercelli, 23.288 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 2.176 extraregione e 3.751 in fase di definizione.

Toscana

In Toscana sono 653.343 i casi di positività al Coronavirus, 12.190 in più rispetto a ieri (5.032 confermati con tampone molecolare e 7.158 da test rapido antigenico) con un'età media di 35 anni. Si registrano altri 24 decessi, che portano la Toscana sopra quota 8.007 decessi da inizio pandemia. In aumento i ricoveri: sono 1.475, 10 in più rispetto a ieri, di cui 122 in terapia intensiva, 3 in meno. I guariti crescono del 3,1% e raggiungono quota 466.622 (71,4% dei casi totali), gli attualmente positivi sono oggi 178.714, -0,9% rispetto a ieri. Complessivamente, 177.239 persone sono in isolamento a casa o risultano prive di sintomi (1.684 in meno rispetto a ieri, meno 0,9%). Sono 50.917 (4.976 in più rispetto a ieri, più 10,8%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva. Riguardo alle singole province, Firenze registra 3.930 casi in più rispetto a ieri, Prato 827, Pistoia 1.067, Massa Carrara 432, Lucca 1.063, Pisa 1.463, Livorno 1.271, Arezzo 918, Siena 645, Grosseto 574. 

Puglia

Oggi in Puglia sono stati registrati 43.295 test per l'infezione da Covid-19 e rilevati 7.902 nuovi casi: 2.461 in provincia di Bari, 863 nella provincia di Barletta, Andria, Trani e 660 in quella di Brindisi, 1.317 in provincia di Foggia, 1.475 in provincia di Lecce, 1.024 in provincia di Taranto nonchè 70 residenti fuori regione e 32 di provincia in via di definizione. Inoltre sono stati registrati 11 decessi. Attualmente sono 143.357 le persone positive, 699 sono ricoverate in area non critica e 69 in terapia intensiva. Complessivamente dall'inizio dell'emergenza i casi totali sono 534.537 a fronte di 7.194.602 test eseguiti, 384.066 sono le persone guarite e 7.114 quelle decedute.

Marche

Nelle ultime 24 ore, nelle Marche è scesa l'incidenza cumulativa di casi di positività al Covid, su 100mila abitanti, e il sensibile calo di 'pendenza' della curva si nota anche dal grafico che accompagna il bollettino della Regione: sono 5.952 i contagi registrati in un giorno, con incidenza in calo da 2.985,12 di ieri all'attuale 2.609,65. Sono 5 invece i decessi. Tra le varie province è Ancona quella che ha rilevato più casi (1.583); seguono Pesaro Urbino (1.456), Macerata (1.174), Ascoli Piceno (800) e Fermo (704); sono 235 i contagiati provenienti invece da fuori regione. Tra le fasce d'età 'primeggia' ancora quella tra 25 e 44 anni (1.648 casi) che precede quella 45-59 anni (1.339) mentre le altre fasce registrano un numero molto inferiore di contagiati; sono 1.642 i nuovi positivi under 18 tra cui 550 tra 6-10 anni. In tutto eseguiti 18.110 tamponi (15.363 tra tamponi e antigenici di diagnosi, che registra il 38,7% di positivi, e 2.748 nel percorso guariti).

Abruzzo

Oggi in Abruzzo sono 3.619 i nuovi positivi (di cui 2.069 emersi da test antigenico), di età compresa tra 1 mese e 100 anni. Sono stati eseguiti 8.467 tamponi molecolari e 21.178 test antigenici. Sono invece 5 i deceduti in regione, 97.077 guariti (+96). Sono 88.391 gli attualmente positivi (+3.514), 402 i ricoverati in area medica (+6), 36 in terapia intensiva (+1) mentre sono 87953 i pazienti in isolamento domiciliare (+3417). I nuovi positivi di oggi sono residenti nelle province dell'Aquila (673), Chieti (934), Pescara (884), Teramo (982), fuori regione (42),in accertamento (100).

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 10.987 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.538 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 13,99%. Sono inoltre 24.624 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 4.338 casi (17,61%). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono diminuite e pari a 36, di cui 30 non vaccinate, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 427. Si registrano i decessi di 8 persone.

Sardegna

Contagi in calo in Sardegna, dove nelle ultime 24 ore si registrano 1.113 casi confermati di positività al Covid (erano 1.610 nella precedente rilevazione), sulla base di 3.927 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 23.576 tamponi per un tasso di positività del 4,7%. Cinque le vittime: due donne di 81 e 97 anni, residenti nella provincia del Sud Sardegna; due uomini di 85 e 88 anni della provincia di Nuoro, e una 81enne residente nella Città Metropolitana di Cagliari. Invariato il numero di pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva, 30, mentre i ricoverati in area medica sono 275 (+6). Le persone in isolamento domiciliare sono 22.078 (-83).

Le altre Regioni

In Basilicata sono 1.081 i positivi al Covid-19, emersi dall'esame di 6.291 tamponi (molecolari e antigenici) processati ieri. Altri 415 nuovi positivi e un morto anche in Molise, mentre sono 2.431 i casi in Trentino, dove si registra anche un decesso. In Umbria, nelle ultime 24 ore, segnalati 2.258 contagi e 3 decessi. In Valle d'Aosta 427 nuovi positivi e in Calabria 1.527 rispetto a ieri.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?