Roma, 4 novembre 2021 - Ci sono sempre meno macchie verdi nella nuova mappa Ecdc, che, basandosi sull'incidenza Covid, fotografa la situazione pandemica in Italia e in Europa. Questa settimana anche Liguria, Provincia di Trento, Umbria, Abruzzo e Puglia tornano in giallo. Colorate in verde, cioè a bassa incidenza di contagi, restano quindi solo Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Sardegna, Molise e Basilicata. 

Zona gialla: ragioniamo sui dati. Chi rischia e da quando

Covid, indice Rt Italia torna sopra 1. Incidenza a 53: gli ultimi dati Iss

Oms choc: in Europa c'è il rischio di un altro mezzo milione di morti

Covid, mappa dell'Europa: altre 5 regioni in giallo (Ecdc)

Dati Covid Italia del 7 novembre 2021

Un peggioramento che non fa altro che confermare quello che sta succedendo in questi giorni: la ripresa dei contagi che ieri hanno superato quota 5mila e anche nel bollettino di oggi (qui tutti i dati) sembrano in crescita, e l'aumento della pressione ospedaliera. 

Covid, il rapporto Gimbe: in Italia tutte le curve sono in crescita

Se in Italia per il momento nessuna regione è ad alto rischio, il rosso e il rosso scuro, colori che indicano le aree con forte ripresa dei contagi, coprono tutta l'Europa dell'Est, la Germania, dove oggi è stato registrato il record di nuovi casi da inizio pandemia, Olanda, Belgio e gran parte dell'Europa del Nord comprese Irlanda e Islanda.

"La situazione epidemiologica del Covid in Europa è molto preoccupante. È di assoluta importanza che tutti si vaccinino, perché nessuno è protetto fino a quando tutti saranno protetti. Occorre seguire tutte le precauzioni con attenzione", ha detto oggi l'Ema su quella che è a tutti glie ffetti una quarta ondata. Poche ore prima l'Oms aveva parlato del rischio di altri 500mila morti entro febbraio.

Pfizergate, cosa dice l'inchiesta del British Medical Journal. Il parere degli esperti