Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Scoperta nuova specie di orango a Sumatra. Rischia l'estinzione

Dell'orango di Tapanuli ne esistono soli 800 esemplari. Vive solo nelle foreste di montagna nel nord dell'isola indonesiana

Ultimo aggiornamento il 2 novembre 2017 alle 21:48
Orango di Tapanuli, soli 800 esemplari (Afp)

Parigi, 2 novembre 2017  - Una nuova specie di primati è stata scoperta nelle giungle indonesiane.  Si tratta dell'Orango di Tapanuli (Pongo tapanuliensis), che vive unicamente nelle foreste di montagna nel nord dell'isola di Sumatra, in Indonesia. Ed è la simmia più a rischiio estinzione del Pianeta con soli 800 individui.

Uno studio del Sumatran Orangutan Conservation Programme con un articolo sulla rivista Current Biology mostra come questo orangutan viva esclusivamente in circa 1.100 chilometri quadrati di foresta di montagna nell'area di Batang Toru. 

Il Wwf chiede un'azione urgente per rivedere le proposte di utilizzo e sviluppo nell'area in cui vivono gli oranghi. La popolazione di Batang Toru è stata scoperta scientificamente nel 1997 e solo nel 2013, quando è stato recuperato lo scheletro di un orango maschio adulto ucciso in un conflitto con l'uomo. 

Ora il ricercatore Matthew Nowak con i suoi colleghi del programma SOCP hanno potuto dimostrare l'unicità della popolazione di Batang Toru: il cranio è risultato piuttosto diverso da altri teschi di oranghi studiati fino ad oggi e per verificare se si trattasse di una nuova specie è stato compiuto il più grande studio genomico mai realizzato su una popolazione di oranghi selvatici. 

A favorire la nuova specie è stata la separazione della popolazione di Batang Toru da tutte le altre da almeno 10-20.000 anni.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.