Lunedì 20 Maggio 2024

Qualità accessibile sempre più ’green’

Qualità accessibile  sempre più ’green’

Qualità accessibile sempre più ’green’

Centergross Bologna ha appena realizzato la quarta edizione di Winter Melody, un evento corale a cui partecipano, ogni anno, un bel gruppo di aziende del settore moda di Centergross e che apre la stagione autunnale delle sfilate italiane. Presidente Piero Scandellari, cosa rappresenta questo appuntamento?

"È il modo più bello per mostrare al pubblico di tutto il mondo l’eccellenza della produzione moda Made in Italy delle aziende di Centergross, una realtà importantissima non solo per Bologna e l’Emila Romagna, ma per l’Italia e che fino a pochissimi anni fa lavorava in silenzio. Ora è arrivato il momento di far sentire la nostra voce, di far conoscere e apprezzare un sistema che basa la sua forza su una filiera cortissima fatta di saperi e competenze che alimentano un settore che crea ricchezza e dà lavoro a migliaia di persone".

Quindi ormai Bologna fa parte del calendario delle sfilate italiane?

"Certamente. Le nostre collettive, Winter Melody e Summer in Italy sono le nostre vetrine con una differenza sostanziale. Quello che si vede sulle nostre passerelle, il giorno dopo si può acquistare nei negozi e negli e-commerce e questo rappresenta la vera forza dei nostri brand. Oggi il consumatore quando vede qualcosa che gli piace lo acquista subito, non attende mesi così come avviene per quello che si vede nelle altre sfilate".

E poi?

"Un altro aspetto importantissimo è il rapporto qualità prezzo, perché il Pronto Moda di Centergross ha prezzi accessibili a tutti ed è un ottimo prodotto. E poi c’è la sostenibilità. Il tutto viene realizzato nel raggio massimo di 100 chilometri e i nostri brand garantiscono proposte diverse quasi ogni settimana: questo vuol dire produzioni limitate secondo le necessità dei buyer senza sprechi e senza eccedere nelle quantità".

Possiamo dire che la moda è il fiore all’occhiello di Centergross?

"La moda è certamente un settore affascinante che attira molto il pubblico e per Centergross rappresenta il 70% del fatturato complessivo, circa 3,5 miliardi di euro all’anno. Ma il nostro distretto conta al suo interno imprese di grande importanza come la meccanica di precisione, la logistica, i servizi, tutti settori che interagiscono fra di loro".

Torniamo alla moda. Per celebrare i suoi 45 anni, che cadono nel 2022, Centergross ha prodotto anche il docufilm ’Bologna: arte, moda e cultura’ che potremmo definire storico.

"Più che storico direi che questo documentario rende giustizia a Bologna, dove la moda ha origini antiche e lo dimostra con le testimonianze di alcuni tra i più autorevoli storici e addetti ai lavori del territorio in un emozionante racconto, un omaggio al passato e al presente che lega Bologna alla moda e all’industria. Bologna è stata capitale della seta e della moda sin dal lontano 1200 con un fiorire di micro e piccole imprese che hanno contribuito alla ricchezza del territorio fino ad arrivare all’attualità. Centergross vuole portare avanti questa eredità".

Una strategia di valorizzazione del territorio?

"I nostri saperi, le competenze e il saper fare bene sono le caratteristiche che rendono il Made in Italy apprezzato in tutto il mondo. Ed è per questo che, insieme al lavoro su Bologna, abbiamo intensificato una serie di iniziative all’estero sulla base di un programma di internazionalizzazione in cui crediamo fortemente per le potenzialità enormi che il modello di business del Pronto Moda ha sia in paesi emergenti, che in quelli industrializzati".

Ci racconti...

"Siamo appena stati con un bel gruppo di aziende a Toronto, in Canada, a Parigi e in passato a Francoforte, Tokyo, in Georgia e tanti altri paesi dove Centergross è visto con grande interesse. E non solo per la moda, ma anche per la parte immobiliare, per la sua struttura, per i servizi che esso offre alle aziende che qui decidono di operare, per l’incoming verso i buyer, per la sua collocazione strategica in Europa, per i collegamenti, le infrastrutture e la logistica. Perché se è vero che tanto oggi si è spostato sul web, è ancor più vero che essere all’interno di una polo come il nostro è un valore aggiunto enorme".

N.F.