Mercoledì 29 Maggio 2024

Quali app usare per risparmiare denaro e tempo

I vantaggi delle applicazioni in termini di risparmio

Risparmiare con le app

Risparmiare con le app

Le applicazioni con cui gestire i propri soldi e risparmiare denaro sembrano essere molto amate dagli Italiani. Anche a causa dell’inflazione, sono sempre più numerose le persone che vogliono imparare a gestire correttamente i loro guadagni. Le app, intuitive e facili da usare, sono perfette per assecondare questa esigenza.Sono sempre di più le operazioni che oggi si possono effettuare con lo smartphone usando le applicazioni. Alcune sono in continuo aggiornamento, sempre più ricche di funzioni e servizi.Salvadanaio e cashback sono tra le funzioni più facili da usare per mettere da parte denaro, anche cominciando con poche decine di centesimi di euro.

Perché installare un’app

Secondo alcune indagini di settore, le persone che usano regolarmente un’applicazione hanno:- Migliorato il rapporto con i soldi, con conseguente soddisfazione personale- Capito il modo in cui spendono il denaro in modo più dettagliato- Individuato spese inutili che poi hanno provveduto a tagliare con facilità.

Capire come si spendono i soldi è il primo passo per imparare a gestirli e risparmiarli.

Come scegliere un’app

Le applicazioni sono tante e spesso sembrano tutte uguali. Scegliere quale installare può sembrare difficile o, al contrario, una scelta di poco conto. - Molte app sono gratuite, più spesso offrono gratuitamente la versione base, che per molte persone è sufficiente. Le versioni a pagamento offrono funzioni e servizi in più che è utile conoscere nell’ipotesi che un giorno si decida di passare alle versioni premium.- La sicurezza è un fattore fondamentale. Non sono poche le persone scettiche sull’uso di app proprio perché temono che i propri dati non siano abbastanza protetti. Controllare il sito delle app e leggere tutti i dettagli e le certificazioni sulla sicurezza è importante per la propria tranquillità. Per quanto riguarda l’accesso sullo smartphone, meglio farlo con un passaggio in più che con un passaggio in meno.- Assicurarsi che l’assistenza clienti si possa contattare facilmente è un altro aspetto importante.

Come si risparmiano soldi con le app

Gestire i soldi, effettuare pagamenti, inviare e ricevere denaro sono solo alcune delle funzioni delle applicazioni. Tra quelle più apprezzate ci sono il cashback e il salvadanaio virtuale.Il salvadanaio è un sistema che mette da parte soldi in un fondo secondario che può avere l’obiettivo di raggiungere un importo, anche basso. Si possono aggiungere soldi al salvadanaio anche arrotondando per eccesso l’importo degli acquisti. Ad esempio, spendendo 9,70 euro, la spesa potrà essere arrotondata a 10 euro, destinando 0,30 centesimi al fondo di risparmio.Il cashback, il rimborso di una percentuale di un importo speso, è un’altra forma di risparmio perché si può destinare al salvadanaio, invece di spenderlo alla prima occasione. Piccole, piccolissime somme, a fine anno possono diventare una somma di tutto rispetto.

Alcune app molto utilizzate e ben recensite

HYPE. Permette di monitorare dettagliatamente entrate e uscite, inviare e ricevere denaro e bonifici, pagare bollettini e bollette, risparmiare soldi, e molto altro. HYPE mette a disposizione una carta virtuale, mentre con HYPE Next o Premium, le versioni a pagamento, si riceve una carta fisica del circuito MasterCard.

Revolut. È un sistema di digital banking che offre servizi finanziari tramite un’applicazione. Fondata nel 2018, dopo soli tre anni è stata valutata un miliardo di dollari e ora è una delle app più conosciute. Ha un piano standard gratuito e i piani a pagamento Plus, Premium e Metal con plafond più alti e servizi aggiuntivi. Revolut <18 è studiata per i minorenni che vogliono cominciare a gestire consapevolmente i propri soldi.

Satispay. Questa applicazione è un orgoglio tutto italiano che all’inizio ha faticato a trovare investitori. Ora è una delle app più scaricate e intuitive. La usano più di 3.233.000 persone per pagare sia online sia in negozi fisici. Gratuita, viene arricchita regolarmente di nuove funzioni. Permette di impostare una plafond settimanale basso, utile per piccole spese e per prendere dimestichezza con l’app. Quando ha cominciato a diventare popolare, poco prima della pandemia, molte persone la consigliavano per dividere il conto del ristorante con gli amici e pagare il caffè al bar. In poco tempo è diventata utilissima per milioni di Italiani.

Money Manager. A detta di molti utenti è una delle app più complete e facili da usare. Secondo i suoi sviluppatori mira a rendere facili le cose che sono complicate, cioè la gestione completa delle proprie entrate. Money Manager è gratuita ma disponibile anche a pagamento, con servizi extra, al costo di 2,49 euro al mese o 21,99 euro all’anno.

Monefy. Semplice da usare, con un’interfaccia utente colorata e piacevole, permette di registrare e controllare le spese fatte, semplicemente aggiungendole di volta in volta. È un’app gratuita nella sua funzione base, ma che ha versioni a pagamento di vari prezzi.

Goodbudget. Questa app ha come slogan “budget with a why”, cioè budget con un perché. Una delle sue funzioni è la versione digitale del metodo delle buste, cioè un sistema per impostare budget mensili per la gestione delle diverse spese, dal cibo al tempo libero. È possibile sincronizzare l’account con quello di altri utenti, ad esempio membri della stessa famiglia. È gratis ma ha anche versioni a pagamento.Oval. “Le buone abitudini pagano” è lo slogan di questa app, che tra i suoi servizi offre la possibilità di investire in crypto valute. Facile da usare, Oval permette di risparmiare, investire e pagare.

Il tempo è denaro

Le app sono sicuramente un ottimo metodo per prendere dimestichezza con i soldi e la loro gestione. Tutte incentivano forme di risparmio, tramite salvadanai e goal, obiettivi più o meno grandi e più o meno a lunga distanza. La velocità con cui è possibile compiere qualsiasi operazione è sicuramente uno degli aspetti più apprezzati dagli utenti.