Lunedì 17 Giugno 2024

Così i gusti dei giovani si sono riallineati

Migration

"GLI ARTISTI italiani sono riusciti a riconquistare il gradimento nel nostro Paese, un trend che si è andato assestando da circa tre anni. Il fenomeno ha interessato le nostre classifiche ed è piaciuto anche all’estero". Matteo Fedeli, direttore generale della Siae, sintetizza così i motivi del successo della musica italiana oltreconfine. "I recenti prodotti musicali stanno funzionando bene e c’è finalmente un ricambio generazionale, dopo un gap di un paio di decenni in cui non riuscivamo a esprimere nuovi artisti per l’estero".

Cos’è l’Italia Music Export?

"È il primo tentativo di un export office per la musica in Italia. Siamo partiti nel 2017 con l’obiettivo di creare consapevolezza su come interfacciarsi col mercato estero e cosa interessa a livello internazionale, attraverso corsi per gli artisti e le etichette, che li guidano in una serie di step fondamentali che riguardano, ad esempio, l’agenzia di booking, come organizzare un tour ridotto, utile soprattutto ai piccoli artisti, spesso autori al 100% dei propri brani, o come partecipare a festival che possono servire da vetrina. Una guida a 360 gradi per esportare la musica e trovarsi nel posto giusto al momento giusto".

A guidare la conquista del mercato estero sono stati i Måneskin, cosa ha contribuito al loro successo?

"I Måneskin (foto sotto) sono la dimostrazione che il nostro prodotto funziona all’estero, del resto il Made in Italy ha sempre avuto molto appeal fuori dai nostri confini. Sono la prova che, così come ci sono riusciti loro, possono tentare e trionfare anche altri. Il gruppo è stato lanciato dal programma Tv ‘X-Factor’, ma dopo ha beneficiato di un doppio booster: Sanremo, che li ha consacrati a livello nazionale, e l’Eurovision che li ha proiettati nel mercato internazionale".

Sanremo ha ripreso a lanciare talenti che poi scalano le classifiche: durerà?

"Il Festival, da due o tre edizioni, sta ‘funzionando’ perché le sue scelte artistiche si sono maggiormente riallineate alle correnti del momento e, di conseguenza, alle classifiche. Le canzoni di Sanremo ora entrano subito su Spotify. È quanto successo con i Måneskin. In più, è un circuito che si autoalimenta: più le canzoni di Sanremo scalano le classifiche, più aumentano gli ascolti del Festival, spingendo più persone ad ascoltare i suoi brani".p. b. m.