Ue conferma sanzioni, ricorso Abramovich respinto

La Corte Ue respinge ricorso Abramovich, conferma misure restrittive. Tribunale: "Consiglio non ha commesso errore di valutazione".

Corte Ue respinge ricorso Abramovich e conferma sanzioni

Corte Ue respinge ricorso Abramovich e conferma sanzioni

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha respinto il ricorso presentato dall'imprenditore e politico russo Roman Abramovich, confermando le misure restrittive adottate nei suoi confronti. Abramovich aveva chiesto un risarcimento di un miliardo di euro, in seguito all'inserimento del suo nome e dei suoi beni nell'ambito delle sanzioni contro la Russia. Secondo il Tribunale dell'UE, "il Consiglio non ha commesso alcun errore di valutazione decidendo di inserire e mantenere il nome del Sig. Abramovich negli elenchi in questione, alla luce del suo ruolo nel gruppo Evraz e, in particolare, nella sua società madre".