Domenica 26 Maggio 2024

Tra Asia e Oceania già partita l'attesa per viaggio Papa

Nuovo tour con un occhio alla Cina. Ma resta fuori il Vietnam

Tra Asia e Oceania già partita l'attesa per viaggio Papa

Tra Asia e Oceania già partita l'attesa per viaggio Papa

E' già partita, tra l'Asia sud-orientale e l'Oceania, l'attesa del viaggio apostolico che vi compirà papa Francesco, annunciato ufficialmente ieri per il prossimo settembre. L'impegnativo tour - con 12 giorni di durata, il più lungo del pontificato - lungamente desiderato dal Pontefice, quindi si farà, salvo imprevisti dell'ultima ora. E magari scongiurando nuovi problemi legati alla salute dell'87/enne Bergoglio Dopo le prime indiscrezioni fatte filtrare a gennaio dal governo della Papua Nuova Guinea e l'annuncio dato nei giorni scorsi dai vescovi dell'Indonesia, il portavoce vaticano Matteo Bruni ieri ha confermato l'appuntamento, indicando nel dettaglio tutte le tappe, anche se il programma definitivo arriverà in seguito con una dichiarazione ufficiale. Tra il 2 e il 13 settembre il Papa sarà quindi in Indonesia, Papua Nuova Guinea, Timor Est e Singapore: in particolate Francesco toccherà Jakarta dal 3 al 6 settembre, Port Moresby e Vanimo dal 6 al 9 settembre, Dili dal 9 all'11 settembre, e Singapore dall'11 al 13 settembre. Papa Francesco conferma così la sua grande attenzione per l'Asia e per il cattolicesimo locale, ma non solo. Tre dei Paesi che raggiungerà a settembre - Indonesia, Papua Nuova Guinea e Timor Est - li avrebbe già dovuti visitare nel 2020, ma fu poi costretto ad annullare il viaggio a causa della pandemia da Covid-19. Si tratta fra l'altro di un nuovo viaggio con un occhio alla Cina. Al programma precedente, infatti, "ora si aggiunge anche Singapore, grande crocevia del Sud-est asiatico e - come era stata la Mongolia lo scorso anno - un altro luogo privilegiato per parlare al popolo e alla cultura cinese, essendo tre quarti della sua popolazione di etnia cinese", sottolinea AsiaNews. Resta fuori, invece, il Vietnam che negli ultimi mesi si era sperato potesse aggiungersi, visti i passi avanti compiuti nelle relazioni tra Hanoi e la Santa Sede e il grande desiderio dei cattolici vietnamiti di accogliere la visita del Pontefice.