Strage di Viareggio, la Cassazione conferma le responsabilità

Sia penali che civili. Appello ter solo su attenuanti generiche

La Cassazione ha confermato "le responsabilità penali e civili già accertate per il disastro verificatosi in Viareggio il 29 giugno 2009". E' quanto emerge da una nota diffusa dalla Corte dopo la camera di consiglio durata cinque ore. La suprema corte, terza sezione penale, con il dispositivo di sentenza emesso all'udienza di oggi, "in parziale accoglimento del ricorso degli imputati Schröter Andreas, Kriebel Uwe, Pizzadini Paolo, Gobbi Frattini Daniele, Moretti Mauro, Elia Michele Mario, Kogelheide Rainer, Linowski Peter, Mansbart Johannes, Mayer Roman, Castaldo Mario, Brödel Helmut, ha annullato la sentenza emessa dalla Corte di appello di Firenze il 30 giugno 2022, limitatamente all'entità della riduzione di pena inflitta a tali imputati per le circostanze attenuanti generiche, che era stata determinata in un nono dalla Corte di appello, con rinvio, per nuovo giudizio sul punto, ad altra sezione della Corte di appello di Firenze". La Cassazione, "rigettato nel resto i ricorsi dei predetti imputati, confermando le responsabilità penali e civili già accertate per il disastro verificatosi in Viareggio il 29 giugno 2009. Ha rigettato i ricorsi di Vincenzo Soprano, dei responsabili civili e della parte civile Medicina Democratica".