Martedì 16 Aprile 2024

Star e balletti, pezzi forti della serata degli Oscar

Gosling con 65 ballerini, attori premiati da 5 colleghi ciascuno

Star e balletti, pezzi forti della serata degli Oscar

Star e balletti, pezzi forti della serata degli Oscar

Sessantacinque ballerini accompagneranno Ryan Gosling durante l'esecuzione di I'm just Ken. Ognuno dei migliori attori verrà annunciato dai premiati della scorsa edizione e da altri quattro vincitori del passato. Sono le principali anticipazioni della 96/a notte degli Oscar, riferite in conferenza stampa dai produttori esecutivi Raj Kapoor, Katy Mullan e Molly McNearney. La diretta televisiva di domenica 10 marzo durerà tre ore e mezza e sarà trasmessa negli Stati Uniti da Abc. La sfilata dei divi sul red carpet occuperà solo mezz'ora e la cerimonia all'interno del cinema Dolby comincerà alle 16, un'ora prima rispetto alle edizioni passate. In Italia, la trasmissione di Rai 1 parte alle 23.30. Abc confida nel fatto che il pubblico sarà attratto dalla popolarità dei contendenti al miglior film, in particolare dei due blockbuster Barbie e Oppenheimer, che insieme contano 21 candidature. "Sono film che la gente ha visto; sa di cosa parliamo e si interessa. È più facile connettersi con il pubblico a casa fin dal monologo iniziale", ha detto McNearney. "Puntiamo molto sulle esibizioni musicali", ha spiegato Kapoor, confermando che le cinque canzoni nominate saranno eseguite dagli artisti originali. Grande l'attesa per l'inno al fragile ego maschile I'm Just Ken, una delle due canzoni in lizza per il film Barbie (l'altra è What was I made for? per cui Billie Eilish ha già vinto due Grammy). Gosling canterà il brano per la prima volta dal vivo e si esibirà con 65 ballerini maschi, in una delle performance più impegnative mai eseguite agli Oscar. Il compositore Scott George e i musicisti della tribù Osage eseguiranno il brano Wahzhazhe da Killers Of The Flower Moon di Martin Scorsese, in una notte che potrebbe vedere la sua protagonista Lily Gladstone diventare la prima nativa americana a ottenere una statuetta. "Riunire 20 attori vincitori dell'Oscar nel passato è stato un gran lavoro: è il nostro modo di celebrare la storia del cinema e di fare un regalo ai vincitori, che ritroveranno alcuni dei propri beniamini", ha detto ancora Kapoor, ricordando che è stato fatto solo nel 2010.