Mercoledì 22 Maggio 2024

Pizzaballa, 'scongiurare l'intervento a Rafah? Siamo presenti'

'A Gaza e in Cisgiordania si soffre e si resiste. Serve perdono'

Pizzaballa, 'scongiurare l'intervento a Rafah? Siamo presenti'

Pizzaballa, 'scongiurare l'intervento a Rafah? Siamo presenti'

"Una pace vera e duratura richiederà tempi lunghi, adesso dobbiamo lavorare per una cessazione delle ostilità, un cessate il fuoco come primo passo verso altre prospettive di carattere politico che però sono tutte da costruire". Non si sottrae alle domande dei giornalisti, il cardinale Pierbattista Pizzaballa, patriarca latino di Gerusalemme, a Roma per la presa di possesso della sua sede cardinalizia, che già aveva dovuto rimandare per la chiusura dello spazio aereo causata dall'attacco di risposta iraniano di due settimane fa, e per una lectio magistralis alla Pontificia Università Lateranense sul tema, attualissimo e allo stesso tempo delicatissimo, "Caratteri e criteri per una pastorale della pace". Così Pizzaballa insiste su tre pilastri, "perdono, verità e giustizia", sottolineando la necessità della presa in carico del "dolore" che però non sfoci solo in "rancore" e "rabbia". Direttrici essenziali per i leader religiosi che, come lui, stanno tentando il dialogo in ore che non ha esitato a definire "drammatiche" ma anche di "speranza". Stando ben attento però a specificare che la Santa sede o altri come lo stesso Patriarcato, in questa fase, "non devono" direttamente "mediare". "Si sta parlando, si sta lavorando - spiega -, ma è molto difficile individuare percorsi e prospettive finché c'è il conflitto in corso, finché questa situazione non si ferma" servono innanzitutto "la liberazione degli ostaggi da un lato e quella di almeno alcuni prigionieri palestinesi dall'altro e poi si vedrà". "Il ruolo della Santa Sede e non solo della Santa Sede - aggiunge - è quello di creare spazi e contesti di facilitazione, non è il nostro ruolo entrare dentro la mediazione soprattutto in realtà così complesse e problematiche però creare i contesti, le premesse perché questo possa avvenire".