Domenica 14 Aprile 2024

Piantedosi, nessun disegno del governo per reprimere il dissenso

'Non cambiano le regole su ordine pubblico improntate a cautela'

Piantedosi, nessun disegno del governo per reprimere il dissenso

Piantedosi, nessun disegno del governo per reprimere il dissenso

"Va subito respinta ogni suggestione che vi sia un disegno del Governo per reprimere il dissenso politico e che questo disegno sia eseguito dalle forze di polizia nel corso dei servizi di ordine pubblico". Così il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, rispondendo al question time alla Camera. "Non vi è, e mai vi potrà essere - aggiunge Piantedosi - alcuna direttiva ministeriale in tal senso e, neanche, indicazioni volte a cambiare le regole operative di gestione dell'ordine pubblico, da sempre improntate a cautela, equilibrio e professionalità, a prescindere dal colore politico del Governo in carica". "Anche nei recenti episodi di Torino, Napoli e Bologna - ricorda il ministro - il maggior numero di feriti, come spesso accade, è stato registrato tra gli appartenenti alle forze di polizia. La difficile azione delle nostre forze di polizia, istituzioni fondamentali di un paese a democrazia matura come il nostro, è orientata unicamente a garantire che le manifestazioni pubbliche si svolgano in condizioni di piena sicurezza. Ed è per questo - aggiunge - che il loro ruolo non può essere rappresentato in termini oppositivi o antagonistici ai manifestanti. La loro presenza è, invece, espressione di un'esigenza fondamentale della democrazia ovvero che il dissenso, anche quello più aspro, possa essere sempre manifestato, senza alcun timore o censura, e, come ho detto, in piena sicurezza". "Un'attenzione scrupolosa - prosegue Piantedosi - è rivolta all'attività formativa degli stessi operatori di polizia che, a conclusione di specifici percorsi professionali, acquisiscono tecniche di intervento appropriate e costantemente aggiornate. Detto questo, auspico che non vi sia la tentazione, da parte di alcuno, di trascinare nel conflitto politico il lavoro delle forze di polizia, che debbono poter operare, specie nei servizi di ordine pubblico, con la necessaria serenità, fattore imprescindibile per gestire i rischi legati a scenari e contesti impegnativi".