Oggi a Pavia l'autopsia della ristoratrice morta nel Lodigiano

Resta da stabilire la causa esatta del decesso

Si svolge oggi all'istituto di Medicina legale di Pavia l'autopsia di Giovanna Pedretti, nel giorno del patrono di Sant'Angelo lodigiano, la cittadina dove abitava e aveva una pizzeria la ristoratrice trovata morta nel Lambro domenica scorsa dopo che era stata al centro di polemiche per una recensione che lamentava la presenza di gay e disabili nel suo locale considerata falsa. L'ispezione cadaverica pre-autopsia ha evidenziato la presenza di ferite non solo ai polsi e a un braccio, ma anche a una gamba e al collo. Resta da stabilire con l'autopsia la causa esatta del decesso: se dovuta alle ferite, ad annegamento o a assideramento a causa delle acque gelide. In paese, dove i giornalisti vengono mal tollerati, non c'è alcuna voglia di festeggiare la ricorrenza del patrono, Sant'Antonio. Sono comunque confermati la benedizione degli animali alle 15 e la messa nella basilica di Sant'Antonio Abate alle 18.