Iran accusa diplomatico svedese Ue di cospirare con Israele

Detenuto senza imputazioni da 600 giorni, rischia pena di morte

Iran accusa diplomatico svedese Ue di cospirare con Israele
Iran accusa diplomatico svedese Ue di cospirare con Israele

Le autorità iraniane hanno accusato Johan Floderus, diplomatico svedese dell'Ue, di cospirare con il nemico Israele per danneggiare la Repubblica islamica. Lo ha dichiarato domenica la magistratura iraniana formulando un'accusa dopo 600 giorni in cui Floderus era detenuto senza averne una. Il diplomatico "è accusato di misure estese contro la sicurezza del Paese, di ampia cooperazione di intelligence con il regime sionista e di corruzione terrestre", ha dichiarato l'agenzia di stampa Mizan Online. La corruzione in terra è uno dei reati più gravi per l'Iran e prevede fino alla pena di morte. "L'imputato è stato attivo contro la Repubblica islamica dell'Iran nel campo della raccolta di informazioni a beneficio del regime sionista sotto forma di progetti sovversivi", ha dichiarato l'accusa. Domenica scorsa, il capo della politica estera dell'Unione europea Josep Borrell ha chiesto l'immediato rilascio del diplomatico svedese, sostenendo che "non ci sono assolutamente motivi per mantenere Johan Floderus in detenzione". Floderus, 33 anni, lavora per il servizio diplomatico dell'Unione europea. È stato arrestato il 17 aprile 2022 all'aeroporto di Teheran mentre tornava da un viaggio all'estero ed è detenuto nella prigione di Evin, nella capitale iraniana. "Non c'è alcuna base per mantenere Johan Floderus in detenzione, né tantomeno per processarlo", aveva dichiarato ieri il ministro degli Esteri svedese Tobias Billstrom.