Mercoledì 17 Aprile 2024

Impennata di minori detenuti con dl Caivano, già 500

Rapporto di Antigone su giustizia minorile, 'mai così tanti'

Impennata di minori detenuti con dl Caivano, già 500

Impennata di minori detenuti con dl Caivano, già 500

"Il cosiddetto Decreto Caivano ha introdotto una serie di misure che stanno avendo e continueranno ad avere effetti distruttivi sul sistema della giustizia minorile, sia in termini di aumento del ricorso alla detenzione che di qualità dei percorsi di recupero per il giovane autore di delitto". Lo sottolinea l'associazione Antigone nel suo settimo Rapporto sulla giustizia minorile e rileva che con il decreto Caivano sono stati fatti dei "passi indietro" e che nei primi mesi del 2024 sono già 500 i minori detenuti, un numero drammaticamente 'record' nell'ultimo decennio. "L'estensione delle possibilità di applicazione dell'accompagnamento a seguito di flagranza e della custodia cautelare in carcere stravolge l'impianto del codice di procedura penale minorile del 1988 e sta già determinando un'impennata degli ingressi negli Istituti penali minorili (Ipm)", segnala il Rapporto. "All'inizio del 2024 sono circa 500 i detenuti nelle carceri minorili italiane. Sono oltre dieci anni che non si raggiungeva una simile cifra. Gli ingressi in Ipm sono in netto aumento. Se sono stati 835 nel 2021, ne abbiamo avuti 1.143 nel 2023, la cifra più alta almeno negli ultimi quindici anni. I ragazzi in Ipm in misura cautelare erano 340 nel gennaio 2024, mentre erano 243 un anno prima, segno evidente degli effetti del Decreto Caivano", rileva Antigone.