Gaza, Hamas: bilancio raid Israele su Rafah salito a 12 morti

Onu: denunciata esecuzione sommaria delle Idf di 11 palestinesi

Il Ministero della Sanità di Gaza gestito da Hamas ha affermato che sono almeno 12 le persone rimaste uccise e decine quelle ferite nei bombardamenti israeliani di ieri su Rafah, nel sud della Striscia al confine con l'Egitto. L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Unhchr) ha affermato intanto di aver ricevuto informazioni "inquietanti" secondo cui le Forze di difesa israeliane (Idf) avrebbero ucciso sommariamente almeno 11 uomini palestinesi davanti ai loro familiari a Gaza. "Dodici martiri e decine di feriti, tra cui donne e bambini, sono stati recuperati sotto le macerie quando una casa e una moschea sono state prese di mira a un centinaio di metri dall'ospedale Kuwaitiano", si legge in un comunicato diffuso dai media locali. Un precedente bilancio parlava di almeno quattro morti, decine di feriti e alcuni dispersi. Nelle zone di Rafah e Khan Yunis si sono concentrati ieri i combattimenti più intensi tra miliziani di Hamas e Forze di difesa israeliane (Idf), con ripetuti raid aerei. Un rapporto dell'Unhchr citato dai media internazionali afferma che l'incidente sarebbe avvenuto due giorni fa nel quartiere di Al Remal a Gaza City, "sulla scia di precedenti accuse riguardanti il deliberato attacco e l'uccisione di civili per mano delle forze israeliane". Secondo quanto riferito, i soldati delle Idf avrebbero circondato e fatto irruzione in un edificio dove diverse famiglie si erano rifugiate quella notte. Secondo i resoconti dei testimoni, le truppe israeliane avrebbero "separato gli uomini dalle donne e dai bambini, e poi hanno sparato uccidendo almeno 11 uomini, per lo più tra i 20 e i 30 anni, davanti ai loro familiari", si legge nel rapporto. L'Unhchr ha affermato di aver confermato gli omicidi avvenuti negli edifici, sebbene dettagli e circostanze siano ancora in fase di verifica. L'agenzia Onu ha avvertito che queste accuse "danno l'allarme sulla possibile commissione di un crimine di guerra" e ha chiesto alle autorità israeliane di aprire immediatamente un'indagine indipendente.