Fao, prezzi materie prime alimentari -13,7% in un anno

L'Indice Fao dei prezzi alimentari ha registrato un calo del 10,1% rispetto a dicembre 2022, con cereali in aumento e oli vegetali in calo. Lo zucchero è sceso del 16,6%, mentre la carne è diminuita dell'1%. I prodotti lattiero-caseari sono aumentati dell'1,6%, ma sono ancora inferiori del 16,1% rispetto al valore di dicembre 2022.

Indice Fao, prezzi materie prime alimentari -13,7% in un anno

Indice Fao, prezzi materie prime alimentari -13,7% in un anno

L'Indice Fao dei prezzi alimentari, che monitora le variazioni mensili dei prezzi internazionali di una serie di prodotti alimentari scambiati a livello globale, ha registrato una media di 118,5 punti a dicembre, in calo dell'1,5% rispetto a novembre e del 10,1% rispetto a dicembre 2022. Per l'intero 2023, l'indice è stato inferiore del 13,7% rispetto al valore medio dell'anno precedente. Per quanto riguarda i cereali, il prezzo è aumentato dell'1,5% rispetto a novembre, poiché i prezzi di grano, mais, riso e orzo sono cresciuti, riflettendo in parte le interruzioni logistiche che hanno ostacolato le spedizioni dai principali paesi esportatori. Per l'intero anno, l'indice è stato del 15,4% al di sotto della media del 2022, riflettendo una buona offerta dei mercati globali. Per gli oli vegetali, al contrario, l'indice è diminuito dell'1,4% rispetto a novembre, riflettendo gli acquisti contenuti di olio di semi di palma, soia, colza e girasole, con l'olio di soia in particolare influenzato da un rallentamento della domanda da parte del settore del biodiesel e dal miglioramento delle condizioni meteorologiche nelle principali aree di coltivazione del Brasile. Per l'intero 2023, questo indice è stato inferiore del 32,7% rispetto al livello dell'anno precedente. Lo zucchero è diminuito del 16,6% rispetto a novembre, toccando il minimo di nove mesi, anche se ancora in aumento del 14% da dicembre 2022. Per la carne, l'Indice Fao è sceso dell'1% rispetto a novembre, raggiungendo un livello inferiore dell'1,8% rispetto a dicembre 2022, influenzato dalla persistente debolezza della domanda di importazioni dall'Asia per la carne suina. Anche l'interesse all'acquisto a livello regionale è rallentato per la carne bovina e avicola, nonostante le ampie forniture esportabili nelle grandi regioni produttrici. I prezzi della carne ovina, al contrario, sono aumentati prima delle festività. In controtendenza ci sono i prodotti lattiero-caseari con +1,6% su novembre, pur rimanendo inferiore del 16,1% rispetto al valore di dicembre 2022.