Esequibo, in Brasile nuovo round negoziale Venezuela-Guyana

Si tratta per risolvere la disputa sulla regione petrolifera

Esequibo, in Brasile nuovo round negoziale Venezuela-Guyana

Esequibo, in Brasile nuovo round negoziale Venezuela-Guyana

Nuovo round di discussioni tra i governi di Venezuela e Guyana, a Brasilia, nell'ambito della disputa territoriale sulla regione petrolifera dell'Esequibo. A fare da mediatore tra i ministri degli Esteri venezuelano Yvan Gil e guyanese Hugh Hilton Todd, è il capo della diplomazia brasiliana Mauro Vieira. Si tratta del secondo incontro negoziato dal governo brasiliano dopo quello di dicembre a San Vincent e Grenadine in cui i presidenti di Venezuela, Nicolas Maduro, e della Guiana, Irfaan Ali, avevano concordato di "non utilizzare o minacciare l'uso della forza" per raggiungere un accordo sulla regione e di voler "risolvere qualsiasi controversia in conformità con il diritto internazionale". L'intesa aveva contribuito ad allentare la tensione dopo il referendum in cui il governo venezuelano ha ottenuto la legittimazione popolare per annettere un pezzo dello stato confinante. La regione di Esequibo è stata amministrata dalla Guyana per oltre un secolo ed è oggetto di controversie sui confini davanti alla Corte internazionale di giustizia dell'Aja. La ricchezza del Paese amazzonico è cresciuta dopo la scoperta di ingenti riserve di petrolio, stimate in 14,8 miliardi di barili. Il Brasile è l'unico Paese a confinare con Guyana e Venezuela, e un possibile conflitto militare potrebbe minacciare parte del territorio brasiliano nel Roraima.