Dal 2025 l'Italia avrà un garante per le persone con disabilità

Lo ha deciso il Cdm su proposta della ministra Locatelli

Dal 2025 l'Italia avrà un garante per le persone con disabilità
Dal 2025 l'Italia avrà un garante per le persone con disabilità

Dal 1 gennaio 2025 l'Italia si doterà del Garante nazionale dei diritti delle persone con disabilità. Lo ha deciso il Consiglio dei ministra approvato lo shema di decreto legislativo proposto dalla ministra per le Disabilità Alessandra Locatelli all'esame del Consiglio dei ministri. Avrà "poteri autonomi di organizzazione, con indipendenza amministrativa e senza vincoli di subordinazione gerarchica". Il Garante sarà un organo collegiale composto dal presidente e da due componenti scelti tra persone con "comprovate professionalità, competenze o esperienze nel campo della tutela e della promozione dei diritti umani e in materia di contrasto delle forme di discriminazione nei confronti delle persone con disabilità". La dotazione organica, con decorrenza non anteriore al 1° gennaio 2026, sarà costituita da due dirigenti e venti unità di personale non dirigenziale L'assunzione del personale avverrà per pubblico concorso. Entro il 30 settembre di ogni anno, il Garante farà una relazione alle Camere e al Presidente del Consiglio dei ministri sull'attività svolta