Mercoledì 22 Maggio 2024

Cgil Campania, fermare la mattanza dei morti sul lavoro

Ricci: "si è superato il limite di guardia"

Cgil Campania, fermare la mattanza dei morti sul lavoro

Cgil Campania, fermare la mattanza dei morti sul lavoro

"Ormai sul fronte della sicurezza sul lavoro abbiamo superato abbondantemente il limite di guardia. Le due morti avvenute in queste ore in altrettanti cantieri della provincia di Napoli, confermano l'inadeguatezza delle normative in vigore e la necessità di fermare questo assurdo sistema degli appalti a cascata che deresponsabilizza le singole aziende e manda in tilt il lavoro degli ispettori impegnati nell'individuazione dei colpevoli di questa strage". Lo afferma il segretario generale della Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci dopo gli incidenti costati oggi la vita a due operai edili a Lettere e Casalnuovo. "I dati - precisa Ricci - sono spietati: oltre 350 in tutto il Paese e 12 in Campania in questo primo scorcio del 2024 sono i lavoratori deceduti mentre erano impegnati nelle loro attività. Lo ripetiamo a gran voce, bisogna fermare questa mattanza". "Nella nostra iniziativa quotidiana - conclude Ricci - il tema della sicurezza resterà in primo piano. Ne abbiamo parlato nella nostra manifestazione per il Primo Maggio, nelle prossime settimane sarà una delle questioni al centro della raccolta firme promossa dalla Cgil per i referendum, uno dei quali punta proprio all'abrogazione delle norme che impediscono, in caso di infortunio sul lavoro negli appalti, di estendere la responsabilità all'impresa appaltante".