Caso Ferragni-Balocco, inchiesta verso ipotesi di truffa

Al momento l'indagine a Milano è ancora senza indagati e reato

Potrebbe modificare la prospettiva accusatoria dell'indagine, al momento senza indagati e titolo di reato, la relazione depositata oggi dalla Gdf in Procura a Milano sul caso del pandoro griffato Chiara Ferragni e prodotto dalla Balocco. Da quanto si è appreso, per via di una serie di email valorizzate nelle carte acquisite negli uffici dell'Antitrust, l'ipotesi di reato, ancora da formulare, potrebbe essere non più frode in commercio bensì truffa.