Borsa: Europa positiva nel finale con Wall Street, Milano +0,9%

Lo spread giù a 154,3 punti, l'Opa su Tods spinge il lusso

Borsa: Europa positiva nel finale con Wall Street, Milano +0,9%

Borsa: Europa positiva nel finale con Wall Street, Milano +0,9%

Borse europee positive nel finale insieme ai listini Usa. Milano (Ftse Mib +0,92%) si confermala migliore, seguita da Madrid (+0,84%), Francoforte (+0,6%), Parigi (+0,48%) e Londra (-0,28%), che resta in territorio negativo. Scende a 154,3 punti il differenziale tra Btp e Bund decennali tedeschi, con il rendimento italiano in calo di 5 punti al 3,91% e quello tedesco di 1,3 punti al 2,36%. In rialzo il dollaro oltre quota 0,92 euro e 0,79 sterline. Riduce il calo il greggio (Wti -0,16% a 76,73 dollari al barile) e lo amplia il gas naturale (-4,95% a 25,77 euro al MWh), sotto al livello del 24 settembre 2021. Gli acquisti si concentrano sul comparto del lusso sulla scia del balzo di Tod's (+18,32% a 43,02 euro), che si assesta sui 43 euro dell'Opa di Crown Bidco sul 33% del capitale, che lascia alla famiglia Della Valle la maggioranza azionaria (54%) e punta al ritiro del titolo dal listino. Salgono Ferragamo (+6,38%), Burberry (+5%), Hugo Boss (+3,62%), Cucinelli (+2,49%) e Puma (+2,17%), più cauta Moncler (+0,4%). In luce Saipem (+5,8%), in vista dei preliminari del prossimo 28 febbraio, seguita dalla rivale Subsea 7 (+2,93%). Bene Eni (+0,92%), caute Shell (+0,27%) e Bp (+0,14%). In Piazza Affari sprint di Tim (+2,74%) in vista dei conti, all'esame del Cda il 14 febbraio e presentati il giorno successivo. Scivolone di Saras (-3,62% a 1,73 euro), che si porta sotto al prezzo di 1,75 euro pagato dagli olandesi di Vitol ai Moratti per rilevarne il 35%. Venerdì scorso il prezzo che circolava, smentito dalla famiglia, era di 2,2 euro. Flop di Bioera (-4,55%), il cui bilancio 2022 è risultato essere non conforme secondo la Consob.