Arévalo denuncia 'colpo di stato assurdo' in Guatemala

Il presidente eletto guatemalteco Bernardo Arévalo ha denunciato che le indagini svolte dall'Ufficio del Pubblico ministero sono un "colpo di stato assurdo, ridicolo e perverso". Ha assicurato che le accuse sono infondate e ha alluso ai settori della magistratura che cercano di bloccare la transizione democratica.

Guatemala, Arévalo denuncia 'un colpo di stato assurdo'

Guatemala, Arévalo denuncia 'un colpo di stato assurdo'

Il presidente eletto guatemalteco Bernardo Arévalo ha denunciato che le indagini svolte dall'Ufficio del Pubblico Ministero della Procura, secondo cui le elezioni generali tenute quest'anno, e da lui vinte, dovrebbero essere annullate, non sono altro che un "colpo di stato assurdo, ridicolo e perverso". Nel corso di una conferenza stampa tenutasi ieri sera, Arévalo, che dovrà assumere la massima carica dello Stato il 14 gennaio 2024, succedendo a Alejandro Giammattei, ha assicurato che le accuse formulate contro il Tribunale Supremo Elettorale (TSE) e contro di lui stesso sono infondate, aggiungendo di avere prove che dissipano anche il presunto riciclaggio di denaro. Alludendo infine ai settori della magistratura che stanno cercando di bloccare il processo di transizione democratica presidenziale, ha sostenuto che "i golpisti fanno i gesti disperati di chi sta per affogare, e provano a portare a termine un improbabile colpo di stato".