Domenica 14 Aprile 2024

Appello del Wwf al governo, sì a legge sul ripristino natura

Firmato da 147 scienziati e naturalisti

Appello del Wwf al governo, sì a legge sul ripristino natura

Appello del Wwf al governo, sì a legge sul ripristino natura

"Desta grande preoccupazione il rinvio del voto del Consiglio dell'Unione Europea sulla Nature Restoration Law. Il consiglio Ue la deve approvare al più presto perchè è indispensabile affinché gli ecosistemi naturali possano garantire aria, acqua e suoli sani alle nostre e alle future generazioni". Lo scrive il Wwf annunciando di aver presentato un appello al governo e al consiglio dell'Ue affinchè si impegnino in una rapida approvazione. "Questa normativa, discussa a lungo e concordata con i governi dell'Ue, oggi è arrivata alla sua formulazione ultima che fissa l'obiettivo di ripristinare almeno il 20% delle zone terrestri e marine dell'UE entro il 2030 e tutti gli ecosistemi entro il 2050. Dopo l'approvazione del Parlamento europeo, ora è fondamentale che il Consiglio confermi l'impegno a garantire il ripristino degli ecosistemi degradati in tutti i Paesi dell'Ue, a contribuire al raggiungimento degli obiettivi europei in materia di clima e biodiversità e migliorare la sicurezza alimentare. In gioco non c'è solo il recupero di ambienti naturali come foreste, fiumi e habitat marini: in gioco ci sono la mitigazione e l'adattamento al cambiamento climatico, la difesa da inondazioni, incendi e desertificazione, la qualità dell'acqua e dell'aria. In altre parole, in gioco c'è la anche la sicurezza di tutti i cittadini europei. Per questo è preoccupante lo stallo in cui si trova ora il Consiglio dell'Unione Europea dopo il mancato raggiungimento della maggioranza qualificata degli Stati Membri". Il voto del Consiglio, previsto per lunedì 25 marzo ma "l'inaspettata giravolta dell'Ungheria, a cui si sono associati i voti contrari e le astensioni di Italia, Svezia, Polonia, Finlandia, Paesi Bassi, Belgio e Austria hanno messo nuovamente a rischio la legge". Quindi "Serve un sì che consenta di stabilire obiettivi chiari e azioni concrete a tutela della natura e dei cittadini europei. La Nature Restoration Law si propone di ripristinare ecosistemi e habitat, prevedendo di riportare alla naturalità almeno il 20% delle terre e delle acque dell'Unione Europea e di liberare dalle infrastrutture almeno 25.000 km di fiumi europei entro il 2030, con l'obiettivo finale al 2050 di ripristinare tutti gli ecosistemi degradati".