44mila mamme si dimettono, conciliazione difficile per il 63%

Nel 2022 sono state 61.391 dimissioni convalidate dall'Inl, un aumento del 17,1% rispetto al 2021. Il fenomeno riguarda soprattutto le donne ed è legato alla difficoltà di conciliare lavoro e cura dei figli. Per le donne la motivazione principale è la fatica, per gli uomini il passaggio a un'altra azienda.

Si dimettono 44mila mamme, per 63% conciliazione difficile
Si dimettono 44mila mamme, per 63% conciliazione difficile
Il numero delle dimissioni convalidate dall'INL presentate nei primi tre anni di vita del figlio è in aumento: nel 2022 sono state 61.391, con un incremento del 17,1% rispetto al 2021. Il fenomeno interessa soprattutto le donne (72,8% dei provvedimenti, ovvero 44.669 dimissioni convalidate) e si collega strettamente alle difficoltà di conciliazione tra vita e lavoro. Il 63% delle neo mamme, infatti, cita come motivazione principale la fatica nel gestire entrambi gli impegni, mentre solo il 7,1% dei padri fa lo stesso. Per gli uomini, invece, la ragione principale è il passaggio a un'altra azienda (78,9%), motivazione minoritaria per le donne (24%).