Andrea Pirlo (Ansa)
Andrea Pirlo (Ansa)

Reggio Emilia, 20 gennaio 2021 - Succede tutto nella ripresa della Supercoppa, quando la Juventus, dopo una prima frazione piuttosto spenta, mette la freccia grazie alle reti di Cristiano Ronaldo e Morata all'ultimo respiro: nel mezzo il grande rimpianto del Napoli targato Insigne, protagonista del rigore sbagliato che ha spianato la strada al primo trofeo vinto da allenatore da Andrea Pirlo.

Le parole di CR7

La palma di miglior in campo non poteva che andare al fuoriclasse portoghese, che ha innanzitutto scacciato i fantasmi della recente sconfitta contro l'Inter. "Questo risultato ci aiuta a ritrovare fiducia dopo la serata di San Siro. Proprio come quella anche la gara di stasera è stata sofferta pure a causa di un terreno di gioco in condizionali non ottimali: questo dà ancora più valore a quanto abbiamo raccolto". Sulla scia dell'euforia Ronaldo avvicina pure un pensiero che mai come quest'anno sembra lontano. "Milan e Inter stanno facendo bene in campionato, ma credo che il discorso scudetto sia ancora apertissimo".

Le parole di Petagna

Dai vincitori ai vinti: per il Napoli il primo a presentarsi ai microfoni è Andrea Petagna, che ha giocato anche contro il dolore dopo la contusione accusata domenica con la Fiorentina. "Sicuramente siamo mancati soprattutto sotto il profilo della grinta e questo ci fa dispiacere tanto: siamo stati anche sfortunati in un paio di episodi, come il rigore sbagliato da Insigne, che resta il nostro leader. Sono comunque ottimista in vista del prosieguo di una stagione in cui siamo ancora in lotta su ogni fronte: già domenica a Verona vogliamo il pronto riscatto."

Le parole di Gattuso

Sulla stessa falsariga è il pensiero di Gennaro Gattuso, deluso solo fino a un certo punto dalla prova dei suoi. "Per tanti versi abbiamo sofferto di più in occasione della finale di Coppa Italia: stasera, a parte un po' di timore nel primo tempo, abbiamo risposto sempre colpo su colpo in quella che è stata una partita a scacchi, resa più insidiosa dalle pessime condizioni del campo". Anche il tecnico calabrese scagiona capitan Insigne. "I rigori si possono sbagliare e comunque si vince e si perde tutti insieme, come sempre".

Le parole di Pirlo

Decisamente diverso l'umore per Pirlo, che rompe l'incantesimo proprio contro l'amico Gattuso. "Mi dispiace per lui ma sono contento per me e per noi, reduci da critiche eccessive dopo la sconfitta di domenica. Abbiamo mostrato orgoglio - conclude il tecnico bianconero - e lo abbiamo fatto nonostante una rosa ridotta all'osso e ricca di ragazzi rientranti dai vari infortuni".

Leggi anche - Serie A, Udinese-Atalanta 1-1