L'Udinese esulta dopo un gol (Ansa)
L'Udinese esulta dopo un gol (Ansa)

Udine, 20 gennaio 2021 - Udinese e Atalanta si sfidano alla Dacia Arena nel recupero della decima giornata di Serie A. I friulani si portano in vantaggio dopo neanche 30 secondi di gioco, con Pereyra che batte Gollini dopo una buona giocata di Lasagna. Muriel trova il pari nel finale di primo tempo, al minuto 44, poi il match si indurisce e le occasioni da rete latitano. La Dea sale a 33 punti, alla pari con la Juventus che ha ancora una gara in meno, mentre i friulani salgono a 17.

Primo tempo

Gotti schiera un 3-5-1-1, con Pereyra alle spalle dell'unica punta Lasagna. Gasperini opta per il tipico 3-4-2-1 con Miranchuk e Malinovskyi dietro Muriel. L'Udinese muove il primo pallone al calcio d'inizio e va in gol dopo poco più di 20 secondi. Lasagna effettua una sponda per Pereyra, che dalla fascia sinistra si accentra e infila il pallone tra le gambe di Gollini. Atalanta addormentata e stupita da questa partenza fulminea degli avversari. La Dea si riprende dopo la sbandata iniziale, alza il baricentro e va a caccia del pareggio. Pessina effettua il primo tiro in porta al 12', quando colpisce con un tacco volante sugli sviluppi di un calcio d'angolo; Musso blocca senza problemi. Il portiere di casa si esalta al minuto 34, quando Maehle calcia al volo di destro dopo una sponda aerea di Miranchuk. La conclusione del danese, indirizzata sotto la traversa, viene spedita in angolo dall'estremo difensore con un tuffo spettacolare. I bergamaschi migliorano la qualità del loro gioco col passare dei minuti. Al 40' Toloi centra la porta con un rasoterra potente, Musso salva ancora in corner. Muriel pareggia proprio sul finale di tempo. Servito al limite dell'area, il colombiano riesce a girarsi, puntare la difesa avversaria e penetrare in area. Una volta davanti a Musso non sbaglia e punisce la disattenzione difensiva dei friulani.

 

Secondo tempo

L'Udinese subisce un contropiede pericoloso al 53', concluso da Miranchuk con un mancino che finisce a lato di pochissimo. Il secondo tempo è molto spezzettato e ricco di interruzioni di gioco, a causa di contrasti piuttosto duri tra i calciatori in campo. Al 71' Romero si inserisce e va a staccare di testa su cross di Maehle, ma la palla termina larga. Gasperini manda in campo tutta la sua potenza di fuoco: Zapata, Ilicic, Freuler e Gosens, che però non riescono a far cambiare marcia alla partita. La partita si conclude senza ulteriori occasioni da gol.

Leggi anche: Supercoppa, Juventus-Napoli: Cuadrado guarito dal Covid e convocato