Inter sola in testa alla Serie A
Inter sola in testa alla Serie A

Milano, 14 febbraio 2021 – L’Inter ha fatto un bel regalo ai suoi innamorati nel giorno di San Valentino. La squadra di Antonio Conte si è infatti presa il posticipo domenicale sulla Lazio per 3-1, doppio Lukaku e Lautaro, e la vetta della classifica in Serie A. I passi falsi di Milan e Juve sono dunque stati sfruttati dai nerazzurri che ora comandano con 50 punti, 1 in più dei rossoneri, 7 in più della Roma e 8 in più della Juve che ha ancora una partita in meno.

Lukaku devastante


Conte lancia Eriksen dal primo minuto, in avanti Lautaro-Lukaku, nella Lazio si ferma all’ultimo secondo Radu, gioca Hoedt. Subito la partita si dipana a ritmi elevati, pressing ossessivo da entrambe le parti e agonismo alle stelle. Meglio la Lazio in avvio, ma al 12’ Lautaro propone il primo squillo con un destro di poco a lato. Sale di colpi l’Inter con il passare dei minuti, anche perché dietro c’è Skriniar che non fa passare uno spillo. Al 20’ primo spartiacque del match, Eriksen innesca il dialogo tra Lukaku e Lautaro, l’argentino si invola a rete e viene steso da Hoedt che colpisce anche un po’ palla ma travolge l’attaccante. Per Fabbri è rigore: Lukaku trasforma. Meglio l’Inter a metà tempo, le trame in contropiede sono interessanti anche se manca precisione nell’ultimo passaggio. La Lazio prova affondi interni con le fasce bloccate e c’è un destro di Immobile che costringe Handanovic alla parata. Al 45’ la doccia fredda per i laziali, c’è un rimpallo sulla trequarti che favorisce Lukaku che trova il destro vincente tutto solo davanti a Reina, ma viene segnalato offside. La revisione al Var nota la posizione regolare del belga al momento del tocco di Brozovic che propizia il rimpallo, è 2-0.

 

Lautaro per il tris

 


La ripresa si apre con un doppio cambio in casa biancoceleste, uno di questi se vogliamo determinante: dentro Parolo ed Escalante per Leiva e Hoedt. Al 58’ il possibile turning point della sfida, Lautaro sfugge in contropiede e serve Hakimi, con la Lazio in forcing, ma arriva Parolo a salvare un gol già fatto. Tempo quattro minuti e lo sforzo viene premiato, infatti da una punizione dai 25 metri di Milinkovic Savic c’è la deviazione fortuita di Escalante che accorcia le distanze. La Lazio allora carica, si riversa nella metà campo avversari mettendo alle corde l’Inter, che fatica a uscire per il contropiede. Ma c’è un mostro sul rettangolo verde, si chiama Lukaku che al 64’ viene lanciato in campo aperto da Brozovic: bevuto Parolo, illuso Patric, assist per Lautaro che vale il 3-1. Azione devastante che piega le gambe alla Lazio che non ne ha più reagire, anzi è Reina a dover salvare ancora un sinistro del belga. L’Inter può dunque amministrare gli ultimi dieci minuti di partita e godersi un successo che vale, prima del derby, la vetta solitaria della classifica. Un regalo di San Valentino al cuore innamorato dei tifosi.

Leggi anche - Conte sulla lite con Agnelli: "Chiedo scusa"