Atalanta-Sassuolo 2-1: l'esultanza di Gosens (Ansa)
Atalanta-Sassuolo 2-1: l'esultanza di Gosens (Ansa)

Bergamo, 21 settembre 2021 - L'Atalanta ospita al Gewiss Stadium il Sassuolo, per l'anticipo della quinta giornata di Serie A. Gosens apre le marcature al terzo minuto e Zappacosta firma il 2-0 al 37'. La partita sembra indirizzata, ma i neroverdi non mollano e tentano di riaprirla con il gol di Berardi al minuto 44. Nella ripresa la Dea prende in mano il pallino del gioco per buona parte dei 45 minuti, soffre poco e amministra il risultato. Gasperini e i suoi salgono a quota 10 punti in classifica, alla pari con il Milan in attesa che i rossoneri affrontino il Venezia. Gli emiliani rimangono fermi a 4 al dodicesimo posto.

Calendario e risultati - Classifica

Rivivi le dirette degli anticipi

Primo tempo

Gasperini schiera il 3-4-2-1 con Pessina e Malinovskyi alle spalle di Zapata. Dionisi sceglie il 4-2-3-1 con Boga, Berardi e Traoré dietro l'unica punta Defrel. L'Atalanta si porta subito in vantaggio al minuto 3: Malinovskyi va sul fondo, mette in mezzo un pallone basso e sul secondo palo arriva puntuale Gosens, che in scivolata firma il gol dell'1-0. La Dea è molto pericolosa, ma il Sassuolo resiste e va a fiammate. I bergamaschi sfiorano il secondo gol con Malinovskyi, che sfiora la traversa con un mancino potente da fuori area. Gli ospiti cercano il pari e si sbilanciano, lasciando praterie per i contropiedi avversari. Pessina al 30' non concretizza con un diagonale mancino, come anche Zapata sciupa un'ottima chance di testa su assist di Zappacosta. I ragazzi di Gasperini riescono ad insaccare il 2-0 al 37'. Una bella manovra rapida porta allo smarcamento di Zappacosta sulla destra, il quale stavolta calcia direttamente verso la porta e trova l'angolino basso sul secondo palo. Gli emiliani riaprono i giochi al 44' con Berardi. L'esterno si accentra dalla destra, calcia di mancino da fuori e pesca l'angolo per il 2-1 che rimette in carreggiata gli uomini di Dionisi.

Secondo tempo

Il Sassuolo soffre tanto l'arrembaggio continuo dell'Atalanta. L'ingresso di Ilicic mette in grossa difficoltà la retroguardia emiliana, che sbanda per diversi minuti ma regge anche grazie ai salvataggi dell'estremo difensore. I neroverdi escono negli ultimi minuti del match, con qualche offensiva più decisa alla ricerca del pari. A farsi vedere però è ancora la Dea, con Piccoli che costringe Consigli ad un intervento complesso in tuffo al minuto 84.

Leggi anche: Spezia-Juve, Allegri: "Ora è uno scontro salvezza"