Rientro in classe dal 10 gennaio in tutto il Lazio
Rientro in classe dal 10 gennaio in tutto il Lazio

Roma, 5 gennaio 2022 – Zingaretti ha firmato l’ordinanza per la riapertura delle scuole, nel Lazio studenti in classe dal 10 gennaio. “La riapertura della scuola in presenza il prossimo 10 gennaio, data unica per tutti gli istituti della Regione, è un segnale molto importante di continuità che vogliamo dare agli studenti e alle loro famiglie, agli insegnanti e al personale scolastico”, spiega l'assessore regionale alla Scuola, Claudio Di Berardino. “Era prevista per circa il 20% degli Istituti la riapertura venerdì 7 gennaio e grazie a questo provvedimento il rientro a scuola in presenza sarà per tutti lunedì".

Cdm 5 gennaio, ora la cabina di regia: verso obbligo vaccinale per over 50

Mentre il governatore campano, Vincenzo De Luca, ha chiesto lo slittamento della riapertura di un mese e il collega veneto, Luca Zaia, sta studiando una proposta di lockdown scaglionati e kit di auto-diagnosi per gli studenti, il Lazio corre spedito verso la scuola in presenza. "Vogliamo continuare a garantire il diritto allo studio in presenza e in sicurezza – continua l’assessore –. Inoltre sarà potenziato, a partire da venerdì prossimo, il contact tracing con drive-in a disposizione degli studenti in tutte le zone del Lazio”.

Covid ospedali, Roma al collasso. Nursing Up: "A Tor Vergata la situazione più grave"

L'ordinanza è valida per tutte le scuole e gli istituti di formazione del Lazio. “Lavoriamo, come già fatto lo scorso settembre, con l'obiettivo di permettere alle ragazze e ai ragazzi della nostra regione di andare ogni giorno a scuola, ma è necessario non abbassare la guardia e avere comportamenti responsabili che serviranno a garantire la possibilità di completare un anno in presenza. Riconfermiamo l'appello alle vaccinazioni, al rispetto delle regole, con il massimo impegno da parte di tutti in questa direzione'', conclude Di Bernardino.

Studenti: "Vogliamo ffp2 per tutti, tracciamento e tamponi"

“Crediamo che oggi sia una sconfitta di tutti rimandare il rientro in presenza al 10 gennaio, anziché il 7, derivato da una carenza di misure prese da Governo e Ministero per rendere la scuola sicura", dicono i giovani della “Rete Studenti Medi”. E continuano. “Non è prevista didattica a distanza per il 7 e l'8 gennaio. Dallo scorso anno abbiamo chiesto di poter tornare in presenza in sicurezza. Ci siamo battuti per evitare in tutti i modi la didattica a distanza e abbiamo ottenuto, all'inizio di quest'anno, un rientro in presenza con molte carenze sull'aspetto della sicurezza”.

"Ora c'è bisogno di lavorare per ottenere misure di sicurezza utili a contrastare le nuove varianti e continuare a garantire il diritto allo studio – continuano gli studenti –: chiediamo Ffp2 per tuttitracciamento e tamponi accessibili".