Roma, 28 luglio 2021 - "Se non ci fosse stato Matteo probabilmente avrei smesso qualche anno fa". Dopo l'addio olimpico, con il settimo posto nella finale dei 200 stile libero a TokyoFederica Pellegrini parla apertamente per la prima volta della sua privata, 'ufficializzando' il fidanzamento con l'allenatore Giunta. "Matteo - ha detto l'azzurra al Tg1, dopo la finale dei 200 stile libero - è stato un grandissimo allenatore ed un compagno di vita speciale, spero lo sarà anche in futuro. La priorità era tenere l'immagine dell'allenatore e dell'atleta separati e siamo stati bravi molto in questo. È stata una persona fondamentale, una delle più importanti in questo percorso sia umano che sportivo".

Il medagliere del 29 luglio: Italia decima

Italiani in gara il 29 luglio Gli azzurri a caccia di una medaglia

Il programma del 30 luglio: gare da seguire e orari tv

Paltrinieri, cuore e coraggio - di Leo Turrini

Federica Pellegrini e Matteo Giunta (Instagram)

Olimpiadi: risultati del 28 luglio 

Matteo Giunta è l'allenatore della Pellegrini dal 2013 e nel 2018 i due si sono presentati per la prima volta insieme a una serata di gala in qualità di coppia (anche se non hanno mai ammesso apertamente). Per Fede è la prima storia d'amore importante dopo la relazione lunga e travagliata con Filippo Magnini. Con Giunta al suo fianco la Pellegrini ha vinto la medaglia d'oro ai Mondiali di Budapest 2017 e ai Mondiali di Gwangju nel 2019.

Infinita Fede, come la Pellegrini solo PhelpS - di Leo Turrini

Federica Pellegrini e Matteo Giunta (Instagram)

Tornando alle parole della nuotatrice, sulla sua carriera sottolinea: "È stato un bel viaggio, tanti anni di bracciate: me la sono goduta dall'inizio alla fine". La 'Divina' prova a non piangere, ma non riesce a trattenere le lacrime. "Tra pochi giorni farò 33 anni, è il momento più giusto ha detto a RaiSport -: ringrazio tutti quelli che mi hanno tifato e si sono svegliati di notte per seguirmi dall'Italia".

Cosa farà adesso? "Ma io ho tantissime cose da fare". E conclude: "Prima di tutto tornare a casa che mi stanno aspettando tutti, festeggiare il mio compleanno perché 33 anni è un'età importante, poi ci dobbiamo far votare dagli atleti per il Cio, a settembre, si spera anche novembre ci sarà la Isl a Napoli, poi uscirà un docufilm, poi c'è in progetto un libro, poi le registrazioni di Italia's got talent".