Domenica 19 Maggio 2024

Incidente sul lavoro a Caivano: operaio di 22 anni muore sotto un bancale

La vittima è Antonio Golino, originario di Marcianise (Caserta). Il giovane è morto schiacciato, avrebbe compiuto 23 anni a luglio. In servizio anche la mamma e il fratello che lo hanno sentito urlare

L'esterno della fabbrica a Caivano, i familiari del giovane operaio deceduto

L'esterno della fabbrica a Caivano, i familiari del giovane operaio deceduto

Napoli, 12 gennaio 2023 -  Antonio Golino, giovane operaio, avrebbe compiuto 23 anni il prossimo 7 luglio è morto oggi giovedì 12 gennaio nell'azienda per cui lavorava. Il tragico incidente questa mattina nella zona industriale di Caivano. È morto schiacciato da decine di grossi bancali che sono improvvisamente caduti, urlando mentre la madre e il fratello lavoravano allo stesso turno di servizio. È morto così Antonio che stamani era a lavoro nell'area industriale di Pascarola a Caivano (Napol), nella "M & C", importante azienda che affetta e confeziona prosciutti per tutti i supermercati italiani. 

false

Clicca sull'immagine per vedere la gallery

Una famiglia unita e di lavoratori quella di Golino, 22enne ricordato come un bravo ragazzo che si impegnava tanto nel lavoro. Il giovane - è emerso - era in una delle celle frigorifero dell'azienda, una struttura alta diversi metri ed estesa alcune centinaia di metri; in ognuno dei cinque locali da 100 metri che compongono la cella, ci sono decine di grossi bancali di plastica dove vengono posti i prosciutti e gli altri salumi da confezionare.

La mamma e il fratello hanno sentito le urla

Proprio una pila di questi bancali ha improvvisamente ceduto travolgendo Golino; i carabinieri e i vigili del fuoco intervenuti sul posto hanno impiegato oltre due ore per trovare il corpo, ormai senza vita, del 22enne. Mentre avveniva l'incidente, il giovane ha urlato, ed è stato sentito dalla madre e dal fratello, che disperati, hanno chiamato i soccorsi e hanno poi dovuto aspettare che i soccorritori rimuovessero i bancali, per rivedere il corpo del congiunto.

Dai primi accertamenti sembra che dispositivi e strumenti per la protezione lavorativa vi fossero e fossero tenuti regolarmente. Le indagini dovranno accertare se c'è stato qualche errore nel carico dei bancali, se dunque fossero stati caricati di più rispetto al peso previsto. Golino, hanno stabilito i carabinieri della Compagnia di Caivano, non era dipendente della «M & C», ma di una ditta che si occupa di imballaggio, trasporto e spedizione, su cui sono in corso verifiche per accertare se la proprietà fosse la stessa dell'azienda di insaccati. 

I militari della locale compagnia sono intervenuti intorno alle 8,30 nella all'interno dell'azienda "M & C" che si occupa di commercio all'ingrosso di prodotti alimentari. Sul posto anche i vigili del fuoco per i rilievi e le prime indagini.

Ugl: "Strage inaccettabile"

"L'ennesimo e drammatico incidente sul lavoro ha causato la morte di un operaio di 22 anni di Marcianise a Caivano, in provincia di Napoli. Siamo di fronte, per l'ennesima volta, a una strage quotidiana inammissibile. Come sindacato UGL, ribadiamo nuovamente l'importanza di investire sulla formazione in materia di sicurezza sul lavoro. Al contempo, è fondamentale potenziare i controlli per poter prevenire tragedie come questa. La manifestazione dell'UGL 'Lavorare per vivere' ha lo scopo di sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica sul fenomeno inaccettabile delle cosiddette 'morti bianche'". Lo hanno dichiarato in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale dell'UGL, e Maria Rosaria Pugliese, Segretario Regionale UGL Campania, in merito all'incidente di questa mattina a Caivano.

Incidente sul lavoro a Caivano: operaio di 22 anni muore sotto un bancale