Con il sostegno di:

Ecco 5 treni del foliage per scoprire l’Italia in autunno

Al confine con la Svizzera, tra Romagna e Toscana, tra Abruzzo e Molise, in Piemonte e in Sardegna: ecco dove si trovano i trenini del foliage

5-treni-del-foliage-per-scoprire-litalia-in-autunno

I treni del foliage sono tra le attrazioni autunnali più affascinanti. Quelli che viaggiano sulle tratte panoramiche di tutta Italia – e si immergono totalmente nei paesaggi autunnali – sono soprattutto treni d’epoca e a vapore che permettono ai visitatori di ammirare dai finestrini ampie distese arancio, rosse, gialle e dorate. Ecco quali sono i percorsi su rotaie più affascinanti.

1. Il treno della Val Vigezzo

È il più conosciuto tra i trenini che percorrono le strade autunnali, tanto da essere stato denominato proprio ‘il treno del foliage’. Un itinerario di 52 chilometri collega infatti Domodossola a Locarno offrendo una vista spettacolare su boschi, radure e distese di foglie che si colorano di arancio, rosso e giallo. Per le corse è possibile anche richiedere una fermata intermedia scegliendo tra Santa Maria Maggiore, Re, Verdasio e Intragna, per riuscire quindi ad ammirare anche i borghi della valle. Per gli adulti il biglietto costa dai 33 ai 49 euro, a seconda del periodo in cui si affronta il viaggio; per i ragazzi dai 6 ai 16 anni dai 16,50 ai 24,50. Sotto i sei anni il viaggio è gratuito.

2. Il treno delle castagne

La linea ferroviaria che collega Faenza a Firenze in autunno diventa quella del cosiddetto treno delle castagne. Nei mesi di ottobre e novembre è infatti attraversata da uno speciale treno a vapore che ricorda gli antichi modelli e si ferma alla stazione di Marradi – Palazzuolo sul Senio. Questa località è rinomata per la coltivazione delle castagne e la sagra ad esse dedicata. Tagliando l’Appennino da est a ovest, il treno percorre anche il Mugello, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e il Monte Falterona, mostrando radure che si tingono dei colori caldi e accoglienti tipici del foliage.

3. La transiberiana d’Italia

Tra Abruzzo e Molise, percorrendo il cuore del Massiccio della Maiella, si snoda la cosiddetta Transiberiana d’Italia. Se d’inverno è la rotta ideale per immergersi nei paesaggi innevati, nei mesi autunnali questa tratta si trasforma in un percorso ad hoc per la scoperta di borghi e sagre e, ovviamente, del foliage. I 128 chilometri – da Sulmona a Isernia – raggiungono anche i 1.300 metri di quota per poi riscendere e costeggiare le rive del fiume Sangro. Un percorso storico e panoramico inaugurato nel 1897. Il biglietto per il percorso completo costa 45 euro, 30 per i bambini dai 4 ai 12 anni. Sotto i quattro anni il viaggio in treno è gratuito.

4. Orient Express in Valsesia

La tratta Novara – Varallo si percorre in autunno su un caratteristico treno a vapore che per circa 54 chilometri offre affacci panoramici e affascinanti su risaie, vigneti e vallate. È l’Orient Express della Valsesia, a cavallo tra le province di Novara e Vercelli, che mostra i colori del foliage in tutto il loro splendore. Il treno fa tappa a Vignale, Romagnano Sesia e Borgosesia. A Varallo, capolinea, è obbligatoria una visita al Sacro Monte, il complesso risalente al Quattrocento che si trova immerso nella natura. I sentieri che lo circondano nella stagione autunnale sono completamente dipinti con i colori del foliage.

5. Barbagia Express

Il massiccio di Gennargentu fa da sfondo ai percorsi del Barbagia Express – il treno verde della Sardegna – che porta alla scoperta della regione e dei suoi angoli più nascosti e selvaggi attraverso nove diversi itinerari. Uno dei più caratteristici è quello che ripercorre la strada attraversata dallo scrittore D.H. Lawrence durante il suo soggiorno in Sardegna nel 1921. Il percorso va da Mandas a Sorgono, arrivando a oltre 800 metri di altitudine e attraversando Sarcidano, Barbagia di Belvì e Mandrolisai, tre regioni storiche della Sardegna. Dal finestrino è possibile ammirare borghi caratteristici, ma soprattutto foreste e grandi distese che in autunno si colorano di rosso, giallo e arancio.