Con il sostegno di:

Il panettone per il Natale 2023: 10 proposte di grandi pasticceri e piccole produzioni artigianali

Alternative per tutti i gusti, dal classico a quello al cioccolato o all'albicocca. Senza dimenticare i vegani e gluten free

Tradizionali e innovativi. Limited edition o grandi classici. Senza glutine o vegani. Sono tante le interpretazioni artigianali del panettone, dolce simbolo del Natale tra grandi pasticceri e piccole produzioni artigianali. Questi sono i 10 panettoni che abbiamo scelto per voi.

LEGGI ANCHE – Panettone classico: il migliore al mondo è quello di Michele Pirro

1, Antonio Follador

Nel forno di Antonio Follador, nel cuore di Pordenone, il panettiere di seconda generazione, uno dei maestri lievitisti di riferimento in Italia, accanto al grande classico della tradizione veneta, il pandoro, per il Natale 2023 propone come novità il panettone Mandarino e Gianduia, un lievitato di grande eleganza, farcito con mandarino tardivo di Ciaculli, frutto dalla buccia fine e di intensa dolcezza, e gianduia da nocciola Piemonte IGP Tonda Gentile Trilobata, e con una copertura al cacao, nocciole e zucchero in granella. Questo lievitato è disponibile nel formato da 1kg possono essere acquistati nei tre punti vendita di Pordenone sullo shop online, con distribuzione su tutto il territorio nazionale e nei migliori negozi. I suoi pandoro e panettoni si riconoscono per l’impiego esclusivo di lievito madre da rinfresco, l’esperienza, l’artigianalità del processo e la creatività delle farciture. Da quest’anno i lievitati a marchio Forno Follador in vendita nei principali store di Rinascente di Milano, Torino, Firenze e Roma di Rinascente.

LEGGI ANCHE – Il ‘Doppio panettone’ di Ernst Knam, da un’idea di Gualtiero Marchesi

Panettone alla liquirizia

2. Vincenzo Pennestrì

Il Maestro Vincenzo Pennestrì della pasticceria Sottozero di Reggio Calabria, per il Natale 2023, ha realizzato una Special Limited Edition un vero proprio omaggio alla Calabria con il panettone alla liquirizia, canditi al bergamotto, fichi secchi e ricoperto di cioccolato alla liquirizia. “Il panettone è un prodotto che amo – spiega il Maestro Pennestrì -. Mi piace proprio studiarlo, testarlo, provarne nuovi gusti e combinazioni. E’ un piacere vederlo nascere, rispondendo così ad una domanda sempre crescente dal nostro territorio e da tutta Italia. Quest’anno abbiamo strizzato l’occhio alla tradizione, aggiungendovi un tocco tipicamente calabrese”.

3. Forno Brisa

Il Veganone

Nella nuova collezione di panettoni del Forno Brisa di Bologna la fa da padrone il Veganone, il dolce tradizionale del Natale in versione vegana, in cui non vengono usati ingredienti di origine animale. Il lievitato inclusivo per eccellenza, la cui ricetta è stata pensata non solo per i vegani, ma per tutti coloro che vogliono sperimentare un prodotto alternativo, leggero e altrettanto goloso. Disponibile in due varianti di gusto: classico e con albicocche di filiera e cioccolato autoprodotto, il Veganone si inserisce nel percorso di ricerca di Forno Brisa legato al concetto di benessere fatto insieme al nutrizionista Ferdinando Giannone. “Il nostro panettone è prodotto sempre e solo con lievito madre fresco, farine selezionate, vaniglia bio del Madagascar. Nella versione classica e creativa che ha una shelf life di 28 giorni usiamo uova fresche di filiera e burro di centrifuga; in quella vegana il burro vegetale e suggeriamo ai nostri clienti di consumarlo entro massimo due settimane dalla produzione”, racconta Pasquale Polito.

4. Gualtieri

Panettone senza glutine

Panettone tradizionale, vegan o senza glutine: il Natale della storica pasticceria fiorentina Gualtieri è per tutti. Gestiti dalla quarta generazione della stessa famiglia che non si stanca mai di sperimentare. Oggi alla guida dei laboratori di Porta Romana ci sono Ginevra Gualtieri insieme al compagno Giulio Fiorentini.  Il panettone artigianale, lievitato due volte per circa 12 ore a temperatura costante e umidità controllata finché non diventa quattro volte più voluminoso. Il secondo impasto viene fatto lievitare fino al raddoppio del volume, per poi essere pezzato e pirlato, termini tecnici che indicano la procedura manuale che si usa per dare ulteriore struttura all’impasto prima di versarlo negli stampi, dove lieviterà per altre 5 ore, fino alla cottura. Per la versione senza glutine il procedimento simile, ma più veloce, con l’utilizzo di lievito di birra e un impasto a base di farine di mais, amidi di riso, uova.

5. Olivieri 1882

Panettone al limoncello Olivieri 1882

Novità e conferme nella vasta gamma del lievitato natalizio di Olivieri 1882, storica azienda di Arzignano (Vicenza), nata nel 1882 come panificio e diventata con gli anni una realtà d’eccellenza nel panorama della bakery italiana. Premiata più volte al Great Taste Awards e considerata Top Italian Food 2023 per Gambero Rosso quest’anno ha arricchito la “linea liquori”. Accanto agli amatissimi Panettone alla Grappa Nardini e Panettone Rhum e Cioccolato Fondente, propone il nuovo Panettone al Limoncello. Un lievitato dalla struttura straordinariamente soffice e dal gusto rinfrescante. L’impasto è infatti arricchito da un’infusione di limoncello ottenuto dai Limoni di Sorrento IGP, presenti anche in versione candita al posto delle uvette. Un dolce che coniugala morbidezza dell’impasto con la freschezza dell’agrume per eccellenza.

Panettone classico Iannotti

6. Giuseppe Iannotti

La poliedrica realtà napoletana dello chef Giuseppe Iannotti propone due interessanti versioni della classica ricetta del panettone, goduriose ma equilibriate, senza eccedere nella dolcezza, dove ogni ingrediente è piacevolmente percepito ed esaltato. Sono stati selezionati gli ingredienti di maggior pregio per la realizzazione della versione classica, con burro francese d’Isigny, canditi, uvetta sultanina australiana, cedro e arancia di Sicilia e vaniglia di Tahiti. E lo stesso è stato fatto anche per la versione al cioccolato, dove il burro francese e la vaniglia restano la base, ma vengono abbinati al bergamotto candito e al cioccolato fondente Valrhona Tulakalum 75%. Verranno realizzati solo 400 pezzi e solo su ordinazione, che sarà possibile effettuare da tutta Italia dalla metà di novembre fino al 20 dicembre. Strabiliante e dal tocco riconoscibile come il Luminist, la scatola che custodisce il panettone, attraverso i colori, i disegni, giochi e portafortuna, racconta di fiabe e scaramanzie napoletane.

LEGGI ANCHE – Pugliettone, il panettone che racconta la Puglia è un viaggio nei sapori del Sud

7. Denis Dianin

E’ un capolavoro di morbidezza, di una lenta lievitazione, decennale esperienza e meticolosa ricerca di materie prime d’eccellenza, il panettone della pasticceria di Denis Dianin, a Selvazzano Dentro, a pochi minuti da Padova. Due le novità in tema panettone del Natale 2023.  Segnaliamo il panettone Albicocca, cioccolato al latte e cioccolato Dulcey Valrhona con albicocche e cioccolato al latte e Dulcey in sospensione e in glassa. Questo nuovo lievitato, come tutti i panettoni, ad eccezione del tradizionale glassato secondo Dianin, sono disponibili anche nella linea Invero, brand con cui il Maestro veneto ha portato per primo la vasocottura nel mondo del dolce lievitato.

Panettone Impronta d’Acqua

8. Impronta d’acqua

Celebra il Natale e la Liguria il panettone nato dalla collaborazione tra il ristorante Impronta d’acqua di Cavi di Lavagna (Genova) e Cà du Ferrà. L’idea di impiegare il passito Ruzzese “Diciassettemaggio” per il panettone è nata durante una visita all’azienda vitivinicola della famiglia Zoppi. Il punto di partenza, come per tutti i lievitati di Impronta d’acqua è una pasta madre di otto anni, rinfrescata tre volte al giorno. Oltre al passito nell’impasto vi sono altri ingredienti selezionati dallo chef Ivan Maniago in una caccia al tesoro tra Liguria e Sicilia. Lo zafferano proveniente da una piccola azienda agricola a Varese Ligure, “Le piccole erbe”, viene messo in infusione, creando un’acqua utilizzata per idratare il panettone. Ad impreziosire il prodotto, sono presenti cioccolato bianco e uvetta 6 corone, che ne rivelano la dolcezza. In ultimo, una pasta di mandarino realizzata da un piccolo produttore siciliano completa l’aromaticità. La glassatura, invece è realizzata con mandorle d’Avola e aggiunge un tocco di Sicilia.

9. Fabio Tisti

Il pastry chef Fabio Tisti, fresco vincitore del premio speciale “Novità dell’anno” della guida Gambero Rosso Pasticceri&Pasticcerie, nel suo laboratorio di Domodossola tra le dolci creazioni per il prossimo Natale propone il PanPelmo. Un panettone, con note agrumate e speziate conferite dal pompelmo candito, un macinato di pepe Timut del Nepal e scorze di agrumi grattugiate. La glassa, con mandorle pugliesi e zucchero, viene esaltata da una delicata nota affumicata. Tutti i prodotti della Tisti Pasticceria & Tea Room si possono acquistare direttamente nel punto vendita a Domodossola, in corso Moneta 51 e sullo shop online www.tistipasticceria.it. Tutti i prodotto sono 100% naturali, senza l’utilizzo di conservanti o aromi artificiali, prodotti a partire da materie prime di eccellente qualità e dal lievito madre, preziosa base per un impasto naturale estremamente digeribile che viene lasciato lievitare per ben 48 ore.

10. Giraudi

Panettone al cioccolato Giraudi

Nella cioccolateria artigianale Giraudi di Castellazzo Bormida (Alessandria) come da tradizione le feste di Natale sono all’insegna delle creazioni del maestro cioccolatiere Giacomo Boidi. “Natale fa da sempre rima con felicità e cos’è il cioccolato, se non felicità?”, commenta – il cioccolato rappresenta un simbolo di convivialità e di unione fra le persone. Natale è per noi il momento più importante di tutto l’anno. Sapere che il nostro lavoro viene apprezzato anche per un valore sociale, oltre che gastronomico, è motivo di grande gratificazione”. Non può esserci Natale senza panettone e, proprio per questo motivo, anche Giraudi ha messo a punto la sua personale ricetta. Frutto di una lenta lievitazione e dell’utilizzo di ingredienti genuini, il panettone è la massima espressione del cioccolato Giraudi all’interno di un grande lievitato. Accanto alle versioni tradizionali, spicca il panettone al cioccolato con le gocce nell’impasto.

 

Tags: