Con il sostegno di:

E le note di Rossini scivolano al Palafestival

Dal 9 al 22 agosto torna il Rof con quattro nuove produzioni e l’atteso gran galà finale

Una vacanza al mare ascoltando Rossini. è quanto si regalano ogni anno migliaia di melomani che arrivano a Pesaro dai cinque continenti per seguire il Rossini Opera Festival. Con un 70% di pubblico straniero, il Rof è diventato uno dei festival lirici più importanti al mondo. E dopo l’edizione 2020, proposta in versione ridotta e con quasi tutte le recite all’aperto, il festival torna (9-22 agosto), in grande stile con quattro nuove produzioni un super concerto di voci rossiniane e poi recital e concerti a go-go. La 42esima edizione del Rof segnerà anche il ritorno al “Palafestival” con l’inaugurazione, il 22 agosto, dell’Auditorium con il Gala Rossini con protagonista Jaun Diego Florez.

Si parte il 9 agosto alla Vitrifrigo Arena con Moïse et Pharaon, con Giacomo Sagripanti sul podio dell’Orchestra Sinfonica della Rai e del Coro del Teatro Ventidio Basso, la regia di Pier Luigi Pizzi, Nel cast, Roberto Tagliavini, Erwin Schrott, Andrew Owens, Eleonora Buratto, Vasilisa Berzhanskaya, Alexey Tatarintsev, Matteo Roma, Monica Bacelli e Nicolò Donini.

Il 10 agosto al Teatro Rossini la prima del Signor Bruschino, con Michele Spotti a dirigere la Filarmonica Rossini in uno spettacolo ideato da Barbe & Doucet. Nella compagnia di canto Marina Monzò, Pietro Spagnoli, Giorgio Caoduro, Jack Swanson, Gianluca Margheri, Chiara Tirotta, Manuel Amati ed Enrico Iviglia.

Si torna alla Vitrifrigo Arena l’11 agosto con Elisabetta regina d’Inghilterra, diretta da Evelino Pidò, alla guida della Sinfonica Rai e del Coro del Ventidio Basso, e messa in scena da Davide Livermore, con le scene di Giò Forma. Nel cast, Karine Deshayes, Sergey Romanovsky, Salome Jicia, Sonia Prina, Barry Banks e Valentino Buzza.

Ultima nuova produzione è lo Stabat Mater (20 agosto Vitrifrigo Arena), con Jader Bignamini alla testa della Filarmonica Rossini e del Ventidio Basso; regia, scene e costumi di Massimo Gasparon. Le voci sono di Giuliana Gianfaldoni, Vasilisa Berzhanskaya, Ruzil Gatin e Riccardo Fassi.

Il ROF 2021 chiude col botto il 22 agosto con il Gala Rossini, che inaugura il nuovo Auditorium Scavolini. Sul podio Michele Spotti a dirigere la Sinfonica della Rai e il Coro del Ventidio Basso. Assieme a Juan Diego Flórez si esibiranno Eleonora Buratto, Salome Jicia, Marina Monzò, Sonia Prina, Pietro Spagnoli, Sergey Romanovsky, Giorgio Caoduro, Jack Swanson, Matteo Roma, Manuel Amati, Nicolò Donini.

Fitto il programma concertistico, con otto appuntamenti al Teatro Rossini. Il 12 agosto i Solisti Veneti con la direzione di Giuliano Carella. Seguiranno tre Concerti lirico-sinfonici eseguiti dalla Sinfonica Rossini: il 13 agosto protagonista Annick Massis e la direzione di Yuval Zorn; il 16 agosto Maxim Mironov, diretto da George Petrou; il 21 agosto Erwin Schrott, con la direzione di Iván López-Reynoso. Saranno quattro i Concerti di Belcanto: protagonisti Alexey Tatarintsev (14 agosto), Roberto Tagliavini (17 agosto), Anna Bonitatibus (19 agosto) e Nino Machaidze (20 agosto).

DA SAPERE

L’intero programma della 42esima edizione del Rossini Opera Festival 2021, in programma dal 9 al 22 agosto, è consultabile sul sito rossinioperafestival.it. Le prenotazioni si effettuano via email a: [email protected]
È inoltre attivo dai primi di maggio un servizio Informazioni dal lunedì a venerdì: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00.
Telefono: 0721 3800294
Fax: 0721 3800220.
Concerti ed avvenimenti del festival possono essere seguiti anche sulle pagine social del Rof (Facebook; Instagram, Twitter).