Una dose di vaccino Moderna
Una dose di vaccino Moderna

Roma, 27 novembre 2021 - Contro la variante sudafricana Omicron l'azienda farmaceutica Moderna sta già testando uno specifico vaccino con una dose più alta (mRNA-1273.529). Inoltre, ha annunciato la società statunitense, sono allo studio 2 candidati booster del suo vaccino. 

Covid, il bollettino del 27 novembre

"Abbiamo tre linee di difesa (contro l'Omicron) che avanzano in parallelo: un booster con una dose più alta di mRNA-1273 (100 mg). Poi, stiamo studiando in fase clinica due candidati booster multi-valenti che anticipano mutazioni come quelle emerse nella Omicron e i dati sono attesi per la prossima settimana. Inoltre stiamo procedendo con un candidato booster specifico contro Omicron (mRNA-1273.529)", a ha spiegato Stéphane Bancel, chief executive officer di Moderna. 

Secondo Moderna la variante Omicron include mutazioni già viste nella Delta, e ritenute responsabili di una maggiore trasmissibilità. Anche mutazioni scoperte nelle varianti Beta e Delta hanno lasciato scoperta l'immunità. Quindi la combinazione delle mutazioni rappresenta un significativo e potenziale rischio facendo calare molto presto l'immunità sia naturale che quella indotta dal vaccino. 

"Moderna ha già testato un booster con dose più alta rispetto a quella normale (con 100 mg di mRna) in adulti sani - si legge nel comunicato - . La dose con 100 mg di mRNA-1273 è stata studiata anche dal National Institutes of Health (Nih) Usa, e Moderna sta lavorando per capire se questo tipo di dose fornisce una maggiore protezione neutralizzante contro Omicron". 

Il gruppo inoltre ha già allo studio due booster multi valenti candidati alla fase clinica, individuati per anticipare mutazioni come quelle emerse di Omicron. 

Caccia alla variante. Olanda, 61 positivi al Covid dal Sudafrica.

Variante Covid, Ecdc: "Rischio da alto a molto alto".