Vaccino Sputnik (Ansa)
Vaccino Sputnik (Ansa)

Roma, 15 marzo 2021 - Il via libera Ema al vaccino Sputnik V potrebbe arrivare "a fina aprile" o più probabilmente "a maggio". A dirlo, ospite su Radio 24, è Marco Cavaleri, responsabile della Strategia vaccini delll'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali. Quello russo è "un vaccino ben disegnato e merita l'interesse di tutti", premette. "Siamo bene lieti di collaborare con l'azienda produttrice e vedere se possiamo utilizzarlo in Europa, ma dobbiamo verificare gli standard di produzione rispetto alle aspettative". Quindi traccia la rotta: "Nelle prossime settimane vedremo se riusciremo ad approvare il vaccino. Ma prima della fine di aprile non saremo pronti per dare l'ok a Sputnik, più probabile maggio". Oggi Vladimir Putin, presidente russo, si è detto  "rammaricato" che l'iter Ema sul siero anti Covid sia "politicizzato".

Quando mi vaccino? Spuntano le liste di riserva last minute

Nel frattempo, il fondo Russo per gli Investimenti Diretti (RDIF), ha fatto sapere che sono stati raggiunti accordi per produrre lo Sputnik "in Italia, Spagna, Francia e Germania". E ha spiegato che sono in corso "negoziati con un certo numero di altri produttori per aumentare la produzione nell'Ue". Una strategia volta a consentire "l'inizio della fornitura attiva di Sputnik V al mercato europeo", chiaramente previa autorizzazione dell'Ema.

L'Ema: "Pfizer, Moderna e J&J efficaci contro le varianti"

Astrazeneca: Nas sequestrano in tutta Italia, "in via cautelativa", il lotto bloccato in Piemonte

Restano da capire le mosse dell'Unione europea. Anche oggi un portavoce della Commissione ha ribadito che "al momento non sono in corso colloqui con i produttori del vaccino russo Sputnik V". Ancora nulla di fatto sulla possibilità di inserire il farmaco nella strategia vaccinale europea. "Quella di estendere il portfolio è una decisione che possono prendere insieme Commissione e Stati membri", spiega il portavoce. 

Covid, i dati sul Coronavirus del bollettino del 15 marzo