2 mar 2022

Ucraina, soldato russo catturato in video: "Putin pensava di vincere in tre giorni"

Il filmato diffuso su Telegram dal Servizio di sicurezza di Kiev, mentre il ministero della Difesa invita le madri dei militari catturali a venire a riprenderseli in Ucraina

"Putin pensava di prendere l'Ucraina in tre giorni. Le scorte di viveri che ha distribuito ai suoi soldati quando li ha inviati a combattere" bastavano per quel lasso di tempo. "Per ordine della massima dirigenza della Federazione russa", inoltre, i militari "sono stati privati di cellulari e documenti". Lo afferma in un video pubblicato su Telegram dal Servizio di sicurezza di Kiev un militare russo catturato. Il soldato compare seduto, con le mani legate dietro la schiena e con una benda vistosamente insanguinata intorno alla fronte.
TELEGRAM/Servizio di sicurezza di Kiev  
+++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ +++NO SALES; NO ARCHIVE; EDITORIAL USE ONLY+++
Il soldato russo catturato in un fermo immagine del video diffuso da Kiev (Ansa)

Kiev, 2 marzo 2022 - "Putin pensava di prendere l'Ucraina in tre giorni. Le scorte di viveri che ha distribuito ai suoi soldati quando li ha inviati a combattere" bastavano per quel lasso di tempo. Lo afferma in un video pubblicato su Telegram dal Servizio di sicurezza di Kiev un militare russo catturato. Nel filmato il militare compare seduto, con le mani legate dietro la schiena e con una benda vistosamente insanguinata intorno alla fronte. "Per ordine della massima dirigenza della Federazione russa", dice ancora, i militari "sono stati privati di cellulari e documenti".

Approfondisci:

Negoziati Russia Ucriana oggi: cosa succede in tempo reale

Odessa, cargo estone affonda dopo esplosione

Settimo giorno di guerra: a Mariupol non c'è più acqua, bombe su Kharkiv

D'altronde il ministero della Difesa ucraina invita le madri dei soldati russi catturati sul campo di battaglia a venire a riprendersi i figli. "È stato deciso di consegnare alle loro madri i soldati russi catturati - si legge nel post - . Noi ucraini, a differenza dei fascisti di Putin, non combattiamo con le madri e i loro figli prigionieri". Kiev sostiene di aver fatto decine di prigionieri dall'inizio dell'invasione e la mossa sembra essere il tentativo di creare imbarazzi a Mosca. Secondo il giornale Kyiv Independent, i civili ucraini stanno rifocillando i russi catturati con "tè e cibo" e consentono ai militari di telefonare "alle madri via video".

Anonymous svela i piani di Putin: "Ecco le mappe, guerra Ucraina decisa il 18 gennaio"

Intanto Mosca ha bloccato il sito '200rf.com' realizzato dal governo di Kiev per permettere ai cittadini russi di scoprire se i loro parenti, amici e conoscenti sono stati uccisi o fatti prigionieri dagli ucraini. A segnalarlo è lo stesso sito che ha smesso di pubblicare aggiornamenti con foto e documenti dei soldati russi morti e catturati. Il sito - si spiega - "è bloccato nella Federazione Russa sulla base della decisione dell'Ufficio del Procuratore Generale". Tuttavia su Telegram resta operativo un canale - dal titolo 'Cerca il tuo' - che è arricchito in continuazione di foto e soprattutto video di militari russi catturati - che declinano le proprie generalità - o dei loro cadaveri.

Attali: Putin non va messo all'angolo. "L'Ue paga le scelte della Merkel"

La guerra in Ucraina
La guerra in Ucraina

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?