Anthony Fauci (Ansa)
Anthony Fauci (Ansa)

Washington, 3 ottobre 2021 - "Gli Stati Uniti stanno voltando pagina rispetto al più recente balzo di casi di Covid". Lo afferma Anthony Fauci, l’immunologo americano consulente scientifico della Casa Bianca, in un’intervista a Cnn. Nell’intervista Fauci definisce "impressionanti" i risultati della pillola anti-Covid di Merck. 

Covid in Italia: il bollettino del 4 ottobre

Merck e Ridgeback Botherapeutics hanno annunciato venerdì i primi risultati che indicano che il loro farmaco antivirale orale sperimentale molnupiravir potrebbe dimezzare il rischio di morte o di ospedalizzazione per Covid-19 .

Ma quando  arriverà l’autorizzazione degli enti regolatori, come la Food and Drug Administration? Fauci non si è sbilanciato nelle previsioni. Mentre il colosso farmaceutico americano non ha perso tempo. Sulla base dei dati confortanti arrivati dalla sperimentazione, la Merck si prepara a richiedere un’autorizzazione all’immissione in commercio anche ad altre agenzie regolatorie a livello mondiale.

La fiducia in un iter dall’esito positivo e rapido ha portato Merck a iniziare la produzione del farmaco prima ancora di ottenere i risultati dello studio, assumendosi interamente il rischio: l’obiettivo è produrre 10 milioni di dosi già entro la fine del 2021. L’azienda, inoltre,  ha stipulato un accordo con il governo degli Stati Uniti in base al quale, una volta raggiunta l’approvazione del farmaco, fornirà circa 1,7 milioni di dosi di molnupiravir. Accordi di acquisto e fornitura sono in corso con altri governi e l’intenzione è quella di adottare una politica differenziata dei prezzi basata sui criteri di reddito della Banca Mondiale. 

Gli esperti ribadiscono però che la pillola anti Covid  non può essere alternativa alle vaccinazioni, che rimangono il percorso più efficace per porre fine alla pandemia di Coronavirus.