Coronavirus, allerta a Londra (Ansa)
Coronavirus, allerta a Londra (Ansa)

Roma, 1 gennaio 2021 - Non si arresta il conteggio dei casi di Coronavirus nel mondo, neanche nel primo giorno del nuovo anno. Il 2021 parte con 728.621 nuovi contagi da Covid-19 e 13.629 altri decessi globali, secondo un bilancio della pandemia fornito dalla France Presse. Dalla segnalazione all'Oms del primo focolaio a Wuhan, nel dicembre 2019, i morti imputabili al virus sul pianeta sono stati un milione e 818.946. Mentre il totale dei casi di infezione è di 83 milioni e 381.330. Nelle ultime ore il maggior numero di decessi è stato registrato negli Stati Uniti con 3.927 morti, seguiti dal il Brasile con 1.074, e terza la Gran Bretagna con 964. L'Europa ha avuto un totale di 574.012 decessi per 26.569.711 casi, e il Belgio conta il maggior numero di morti in rapporto alla sua popolazione: 168 per ogni 100.000 abitanti. Al momento al mondo sono state vaccinate quasi 10 milioni di persone.

Italia, l'ultimo bollettino

Stati Uniti

Negli Usa l'epidemia sembra essere alimentata da una seconda ondata particolarmente violenta. I morti sono quasi 4mila nelle ultime 24 ore (3.927). Secondo la Johns Hopkins University si tratta del più alto incremento giornaliero. In totale gli Usa hanno superato i 20 milioni di casi e 346 mila i decessi. Le nuove infezioni sono state 189.671. Secondo il virologo Anthony Fauci, membro della task force della Casa Bianca civorranno diversi mesi, "verso la fine dell'estate, l'inizio dell'autunno del 2021, di iniziare ad avvicinarci a un certo grado di normalità". Negli usa il programma di vaccinazione è indietro sulla tabella di marcia, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention sono state consegnate circa 12,4 milioni di dosi di vaccino e circa 2,7 milioni di persone hanno ricevuto la prima delle due iniezioni. 

Gb

Alle 23 di ieri le lancette del Big Ben, in una Londra deserta, la Gran Bretagna ha dato il definitivo addio all'Unione Europea. Brexit o meno, la situazione nel Regno Unito sta tornando ad aggravarsi, e il maggiore imputato è il nuovo ceppo del Covid-19, più rapido nelle infezioni. La Sanità britannica nelle ultime ore ha registrato oltre 53mila nuovi casi e 633 decessi, con il numero delle vittime tra i più alti dallo scorso aprile. Nei giorni scorsi il record era stato di 981 decessi. Secono la Bbc i casi giornalieri sono leggermente in calo rispetto ai 55.892 di ieri, che era il numero più alto mai registrato dall'inizio della pandemia. Intanto il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock, ha annunciato che la campagna vaccinale anti Covid, iniziata nel Paese l'8 dicembre, ha già coinvolto oltre un milione di persone: "Iniziamo il nuovo anno sapendo che davanti a noi abbiamo giorni migliori, abbiamo già somministrato un milione di vaccini", ha scritto su Twitter Hancock, anticipando che la campagna "da lunedì accelererà" dopo che mercoledì è stato autorizzato anche il vaccino di Oxford e AstraZeneca, dopo quello Pfizere BioNTech.

Il governo ha deciso che tutte le scuole elementari di Londra resteranno chiuse, accogliendo così le richieste delle autorità locali della capitale. Un dietro-front dopo che l'esecutivo Tory aveva indicato 50 distretti scolastici, nel sud dell'Inghilterra, in cui le scuole sarebbero rimaste chiuse dopo le vacanze di Natale, tra cui non c'erano le diverse aree di Londra in cui la velocità di trasmissione di Covid-19 rimane alta. 

Gb, studio nuova variante: accresce indice Rt

Secondo uno studio dell'Imperial College, riportato dalla Bbc la nuova variante di Covid-19 che si è diffusa nel Paese è "estremamente" più contagiosa della versione precedente, e arriva a determinare un aumento dell'indice di trasmissione Rt compreso tra 0,4 e 0,7. Il tasso di contagiosità nel Regno Unito è stimato tra 1,1 e 1,3. Secondo il professor Axel Gandy, uno degli scienziati autori dello studio, nella nuova variante si riscontra ha una grande facilità di diffusione, aggiungendo che "è la mutazione più grave del virus dall'inizio dell'epidemia. Inoltre, sarebbe più contagiosa in tutte le fasce di età, compresi gli under 20.

Germania

In Germania nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 22.924 e 553 morti, secondo i darti forniti dal Robert Koch Institut. Complessivamente nel Paese finora ci sono stati 1.742.661 contagi e oltre 33 mila decessi. Sempre dall'l'ente federale che si occupa del controllo delle malattie infettive si apprende che da domenica ad oggi in Germania oltre 160mila persone sono state vaccinate contro il Covid: 165.575, oltre 31mila in più rispetto al bilancio fornito ieri. Riguardo alle infezioni negli ultimi sette giorni si sono registrati in media 141,9 casi ogni 100mila abitanti, con il picco il 22 dicembre con 197.6 casi. Il numero più alto di decessi si è registrato lo scorso 30 dicembre: 1129. L'indice Rt tedesco negli ultimi sette giorni è stato dello 0,80. La premier Angela Merkel nel messaggio alla nazione di fine anno, commossa perchè il suo ultimo, ha esortato i tedeschi a non abbassare la guardia con l'inizio la campagna delle vaccinazioni.

image

Francia

Nelle ultime ore i nuovi contagiati registrati in Francia sono 19.348, un numero leggermente inferiore alle 19.927 infezioni di ieri. In totale iil Paese ha registrato 2.639.772 contagiati. I nuovi decessi invece sono 133, per un totale di 64.765 vittime. Il governo ha annunciato un inasprimento del coprifuoco notturno in 15 regioni, anticipato alle 18 lo stop, invece delle attuali 20. Il provvedimento copre ikl dipartimento delle Alpi-Marittime che comprende Nizza e l'area orientale del Paese. Parigi al momento resta fuori, ma il portavoce del governo, Gabriel Attal, ha sottolineato che se la situazione peggiorerà ulteriormente in certe aree: "Il virus continua a diffondersi in Francia ma con una disparità tra le regioni". Intanto è polemica nel paese per il rave selvaggio, in barba a ogni restrizione per il contenimento dell'epidemia, bloccato a Lieuron, a sud di Rennes che è il capoluogo della Bretagna. La polizia di Ille-et-Vilaine ha fatto sapere che incidenti sono scoppiati quando la polizia è intervenuta per cercare di mettere fine al raduno: un veicolo della gendarmeria è stato incendiato, altri tre sono stati danneggiati e sono stati lanci di bottiglie e pietre contro gli agenti. La festa illegale è comunque continuata fino al mattino.

image

Vaccinazioni nel mondo

Nel mondo finora sono state vaccinate quasi 10 milioni di persone, secondo quanto riferisce il sito di pubblicazioni scientifiche Our World in Data, sviluppato dall'Università di Oxford. Le dosi inoculate sono stete 9.8 milioni. La Cina è il Paese che ha vaccinato più persone finora, 4,5 milioni al 31 dicembre. Seguono gli Stati Uniti, con quasi 2,8 milioni di persone, e Israele a quota un milione in meno di due settimane. In Europa i primi sono stati i britannici con quasi 945mila al 27 dicembre. Seconda la Germania con 131mila, mentre l'Italia viene registrata a quota 33mila. I dati si riferiscono alle singoli dosi iniettate, quindi non alla vaccinazione completa, che necessita di un secondo richiamo.

Biontech: "Servono più dosi, c'è un buco perché altri non approvati"