Attacco Houthi, portacontainer Maersk arrivata Trieste

La portacontainer della Maersk attaccata dagli Houthi nel Mar Rosso è arrivata a Trieste senza danni. Le compagnie evitano il canale di Suez per motivi di sicurezza, allungando i tempi di viaggio e triplicando i costi dei noli.

A Trieste la portacontainer della Maersk attaccata dagli Houthi

A Trieste la portacontainer della Maersk attaccata dagli Houthi

La portacontainer della Maersk, attaccata dagli Houthi nel Mar Rosso alcuni giorni fa, è giunta a Trieste. La nave è attualmente ormeggiata al Molo settimo e fortunatamente non ha riportato danni durante l'attacco. Questo è il primo arrivo di una nave proveniente da quella rotta nello scalo giuliano nelle ultime due settimane. Come previsto, molte compagnie provenienti dall'Asia e dirette verso il Mediterraneo evitano il passaggio attraverso il canale di Suez per motivi di sicurezza, preferendo invece circumnavigare l'Africa. Questa rotta alternativa comporta un allungamento di almeno dieci giorni della durata del viaggio. Tuttavia, molte di queste navi non raggiungono direttamente il Mediterraneo, ma si dirigono verso i porti del Nord Europa. Per gli operatori del Mediterraneo e non solo, il problema si estende anche all'aggravio dei costi dei noli, che sono triplicati in poche settimane.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro