Giovedì 25 Luglio 2024

Apple debole in Borsa, Buffett rastrella titoli: ora ha azioni per 1 miliardo di dollari

L'85enne alla guida della Berkshire Hathaway ora vanta 9,81 milioni di azioni Apple con un valore di 1,07 miliardi di dollari.

 Warren Buffett (Ansa)

Warren Buffett (Ansa)

New York, 16 maggio 2016 - Warren Buffett sembra aver cambiato idea riguardo gruppi tecnologici, su cui non investiva, e, approfittato della recente debolezza di Apple in Borsa, ha rastrellato i titoli del produttore dell'iPhone. Al 31 marzo scorso, la conglomerata americana Berkshire Hathaway di cui è a capo vanta 9,81 milioni di azioni Apple con un valore di 1,07 miliardi di dollari. 

La partecipazione del cosiddetto oracolo di Omaha nel gruppo di Cupertino (California) emerge dal documento 13F depositato presso la Securities and Exchange Commission, l'equivalente americano della Consob italiana. Il documento indica il numero di titoli posseduti e il valore di ogni partecipazione alla fine di un trimestre: non è chiaro se Buffett abbia continuato a comprare azioni da quando il primo trimestre del 2016 è finito. 

Buffett ha preso la palla al balzo: lo scorso luglio Apple valeva in Borsa 130 dollari ad azione ma i primi tre mesi dell'anno in corso sono finiti a 108,99 dollari e da allora il valore del titolo Apple è sceso ulteriormente tanto che la settimana scorsa si è portato sotto i 90 dollari per la prima volta in due anni. 

Da metà aprile Apple ha ceduto oltre il 19%, e la settimana scorsa ha passato ad Alphabet lo scettro che appartiene all'azienda con la maggiore capitalizzazione al mondo. 

L'uscita di Carl Icahn il mese scorso andò a pesare ulteriormente su un titolo già messo in difficoltà da conti deludenti: i ricavi del primo trimestre erano scesi per la prima volta in 13 anni su base annuale e le vendite di iPhone per la prima volta in assoluto.

L'investimento dell'85enne Buffett nell'azienda guidata da Tim Cook segue l'uscita di Carl Icahn. Nel pre-mercato il titolo Apple festeggia la partecipazione di Buffett salendo dell'1,6% a 92 dollari. La seduta di venerdì scorso era finita in rialzo dello 0,2% a 90,52 dollari.