Ciaspolata sulle piste del Corno alle Scale sull'appennino bolognese (Dire)
Ciaspolata sulle piste del Corno alle Scale sull'appennino bolognese (Dire)

Roma, 19 febbraio 2021 - Il tasso di positività è in lieve rialzo e le varianti del virus Covid-19 preoccupano. Per questo motivo, e in base ai dati del monitoraggio del Cts, da domenica cambiano colore ed entrano in zona arancione - con relative regole e divieti su spostamenti - Emilia Romagna, Campania e Molise. Si ricorda con questa guida cosa si può fare in zona arancione (spostamenti fuori dal comune e dalla regione, seconde case, visite ad amici e parenti, cos'è aperto tra bar, ristoranti e negozi) e un focus - visto lo stop allo sci fino al 5 marzo - sulla montagna, se ci si può andare e cosa si può fare. 

Coronavirus, il bollettino del 20 febbraio

Zona arancione e sport: quando si può uscire dal comune. Gli ultimi chiarimenti

Zona arancione: regole su spostamenti

Spostamenti fuori dal comune: in zona arancione è consentito spostarsi all'interno del proprio comune di residenza, ma non è consentito muoversi al di fuori di esso. Si può uscire dal comune solo per questi motivi: lavoro, salute, urgenza, visite ad amici e parenti, seconde case, attività sportiva. Per questi ultimi punti, si veda sotto il capitolo relativo.

Spostamenti fuori dalla regione: gli spostamenti fuori dalla regione sono vietati fino a giovedì 25 febbraio 2021. Tranne che per i seguenti motivi: lavoro, urgenza, salute, spostamenti verso le seconde case. Per quest'ultimo punto, si veda sotto il capitolo relativo. 

Visite a parenti e amici: in zona arancione, per far visita ad amici e parenti ci si può spostare solo dentro il proprio comune. E con le seguenti regole: una sola volta al giorno, dalle 05 alle 22 (ossia nelle ore in cui non vige il coprifuoco), lo spostamento è consentito a massimo due persone insieme (non rientrano nel calcolo minori di 14 anni e disabili). E si ricorda che dopo la visita si può tornare a casa (entro le ore 22) perché il rientro verso il domicilio, l'abitazione o la residenza è sempre consentito. 

Seconde case: in zona arancione sono consentiti gli spostamenti verso le seconde casa. Anche se si trovano fuori dalla propria regione. Ma bisogna seguire queste regole: solo i membri della famiglia possono spostarsi, non un gruppo di amici. E poi, l'atto di proprietà e il contratto d'affitto della seconda casa deve essere antecedente al 14 gennaio 2021 (sono quindi esclusi gli affitti brevi). 

Zona arancione: bar, ristoranti, negozi, sport

Ristoranti e bar: in zona arancione le attività di ristorazione, tra cui bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, sono aperte ma solo per la consegna a domicilio e il servizio di asporto. Attenzione però: ai bar è consentito l'asporto fino alle 18.

Negozi aperti: i negozi al dettaglio sono aperti, mentre i centri commerciali sono chiusi nei giorni prefestivi e festivi. All'interno dei centri commerciali, comunque, rimangono aperti (anche nei giorni prefestivi e festivi) edicole, farmacie, parafarmacie, tabaccai. 
Attività fisica, passeggiate, sport: in zona arancione si può svolgere attività sportiva solo all'interno del proprio comune. Con le seguenti regole: da soli, all'aperto e vicino casa. Si può comunque uscire dal proprio comune (ma si ricorda: è obbligatorio rimanere all'interno della propria regione) per fare attività fisica solo qualora non sia possibile farle nel proprio comune. Ad esempio, se nel mio comune non dovesse esserci un campo da tennis, posso uscire e andare in un altro comune limitrofo in cui è presente. Rimangono comunque chiuse palestre e piscine.

Zona arancione: si può andare in montagna (e cosa si può fare) 

Lo stop allo sci è stato prorogato fino al 5 marzo 2021. Ma molti si chiedono comunque se in questi giorni si può andare in montagna, se ci si può spostare in un'altra regione per fare scialpinismo, trekking, ciaspolate, o altro ancora. Fonti del Viminale hanno confermato a Quotidiano.net che "se non c'è neve nel proprio comune, si può andare in montagna per praticare attività sportiva come sci di fondo, scialpinismo e ciaspolate". Alle seguenti condizioni: "bisogna rimanere all'interno della propria regione" e ci si può muovere solo ed esclusivamente "dalle ore 05 alle ore 22", ovvero nelle ore in cui non vige il coprifuoco.

Attenzione: si sottolinea però un punto, non poco controverso su passeggiate e gite in montagna in zona arancione. Se il Viminale ha chiarito che ci si può spostare all'interno della regione per andare in montagna e praticare sport come scialpinismo, trekking e ciaspolate, diverso è il tema sulle gite e le passeggiate. Il Cai ha infatti chiarito che non trattandosi - le gite e le passeggiate - di attività sportiva, non si può andare in montagna per questi due motivi. Quindi, per fare sport sì, per le passeggiate no. 

Esempi: dove si può andare in montagna

Da Milano si può ad esempio raggiungere Bormio. Da Bologna si può andare sul Cimone. Da Firenze si può andare sull'Abetone. Da Roma ci si può spostare verso il Terminillo. Questo, lo ricordiamo, vale per la zona arancione e nel caso in cui si volesse andare in montagna a praticare sport. Non valgono passeggiate e gite.