Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 giu 2021

"Trombosi fatali? Tragedie infinite, ma il vaccino sta salvando il mondo"

L’immunologo Forni (Lincei): morti e ricoveri Covid calano, così cresce l’intolleranza per gli eventi avversi gravi

15 giu 2021
alessandro belardetti
Cronaca
Una ragazza si vaccina a Roma. Sopra, l’immunologo Guido Forni, 76 anni
Una ragazza si vaccina a Roma (foto Imagoeconomica)
Una ragazza si vaccina a Roma. Sopra, l’immunologo Guido Forni, 76 anni
Una ragazza si vaccina a Roma (foto Imagoeconomica)

L’Aifa fino al 26 maggio ha ricevuto segnalazioni di 328 casi fatali, con un tasso di 1 caso ogni 100mila dosi somministrate. In 4 decessi (l’1,8%) la casualità risulta correlabile. Professor Guido Forni, cosa ci dicono questi numeri? "Che i vaccini funzionano molto bene e sono poco pericolosi – risponde il 76enne immunologo dell’Accademia dei Lincei e docente dell’università di Torino –. Poi, che quando succede un incidente durante un’esercitazione militare fa molto più impressione rispetto a 100 morti in guerra. Vedere la tragedia di Camilla Canepa mi ha distrutto, quel giorno dovevo parlare in pubblico di vaccini ed è stata dura. Ma se guardi tutto da una prospettiva diversa, i rischi restano molto inferiori rispetto ai benefici". Ma gli italiani sono spaesati e molti hanno paura. "Man mano che diventiamo più ricchi di dati, aumenta la nostra intolleranza verso gli effetti collaterali gravi, perché nel frattempo diminuisce l’incidenza della malattia. Tutto è regolato attorno al calcolo rischi-benefici e il risultato cambia nel tempo. La marea di studi pubblicati ogni giorno crea un grande caos nelle persone, ma per il progresso è decisivo". La Gran Bretagna ha puntato su una politica vaccinale della singola dose e molto su AstraZeneca: una strategia che si sta rivelando discutibile alla luce delle difficoltà dei vaccini contro la variante Delta. "Molto discutibile. Però AstraZeneca ha dato una mano enorme agli inglesi durante una situazione drammatica. L’incertezza è legata al mutevole panorama della pandemia e all’accessibilità rispetto al siero". Cosa sta succedendo alla pandemia? L’Inghilterra ieri doveva annunciare la fine delle restrizioni, ma la variante Delta ha complicato tutto. In Italia molti esperti tornano a mettere in guardia: la fine è lontana. "Le varianti non impattano sulla mortalità, ma sulla diffusione della malattia e questo cambia il panorama. Si rischia di affollare nuovamente gli ospedali ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?