Genova, 14 agosto 2018 - "Erano da poco passate le 11,30 quando abbiamo visto un fulmine colpire il ponte. E' stato il finimondo in un attimo: il cemento ha iniziato a sbriciolarsi, ed è crollato tutto". Pietro M. si trovava nella pancia della tragedia, accanto al ponte Morandi di Genova, sull'autostrada A10, un secondo prima che l'asfalto spalmato sulle due carreggiate crollasse. Racconta quegli istanti. E parla di un fulmine. Lo stesso particolare che emerge nei racconti di altri testimoni, compresi quelli di una famiglia di quattro persone, poi ricoverata in stato di choc, che sostiene di aver visto proprio un fulmine colpire la base di un pilastro: "Abbiamo visto cedere la struttura e un secondo dopo un camion volare di sotto".

GENOVA ALTO_33026926_140819

Sul crollo del ponte Morandi, ceduto per 200 metri con entrambe le corsie precipitate al suolo per altri 100 metri, le testimonianze si sovrappongono. C'è pure quella di Alberto L., autista Atp, anche lui presente al momento della tragedia. Proveniva da Arenzano verso Genova Ovest. Spiega: "Uscito dalla galleria ho visto rallentamenti e sentito un boato. La gente scappava venendo verso di me. E' stato orribile. L'inferno". Ma il terrore è anche nelle urla disperate dell'uomo che ha ripreso il momento del crollo, in un video poi pubblicato sulla pagina di un account Facebook. Nelle immagini si vede il ponte cedere sotto il nubifragio che ha colpito Genova. "Oh mio Dio, oh mio Dio", le parole dell'uomo. Sotto choc è anche un altro automobilista, che racconta di aver visto crollare tutto mentre guidava lungo l'argine del torrente Polcevera in direzione sud. "Ho visto il ponte venire giù davanti ai miei occhi. I detriti del crollo sono arrivati a pochi metri di distanza dalla mia macchina".

E ancora: Silvia R., 30enne genovese: "Ero in macchina alle 11.30 circa e avevo appena passato il casello di Genova Aeroporto quando ho visto la prima coda di auto. Pioveva forte e ho pensato ad un incidente. Neanche il tempo di realizzare e ho visto decine di persone corrermi incontro a piedi. Piangevano e gridavano: 'sta crollando il ponte, scappate'".

CAMION_33027419_144100

Tra i miracolati ci sono Sara e Luca, una giovane coppia di Pinerolo che a bordo della loro auto ha percorso il ponte Morandi poco prima della tragedia: "Lo abbiamo attraversato intorno alle 11.15, poco prima che succedesse. C'era molto traffico, auto e soprattutto camion incolonnati. Pioveva, ma non abbiamo notato nient'altro di strano. Siamo partiti da casa stamattina - racconta Sara - per raggiungere Lerici e cominciare le nostre vacanze. Abbiamo letto del crollo sullo smartphone, siamo rimasti senza parole anche perché quel ponte lo abbiamo percorso altre volte".