I vigili del Fuoco a Mazara del Vallo (Ansa)
I vigili del Fuoco a Mazara del Vallo (Ansa)

Mazara del Vallo (Trapani), 12 maggio 2021 - Resta altissima l'attenzione su Denise Pipitone. Questa volta non sono i vigili del fuoco del Saf, gli specialisti delle imprese impossibili nei pozzi, ma le telecamere di 'Chi l'ha visto?' a entrare nel palazzo dove abitava Anna Corona, ex moglie di Pietro Pulizzi, il papà naturale della bimba sparita il 1° settembre 2004 dalla casa della nonna materna, a Mazara del Vallo (Trapani).

La trasmissione di Federica Sciarelli, che da sempre si occupa della scomparsa di Denise, nella puntata di questa sera ha mandato in onda l'intervista alla vicina di casa della donna.

"Gli  uomini delle forze dell'ordine - ha dichiarato la testimone - sono entrati nell'androne che era aperto. È sopraggiunta Anna Corona. Poi si sono girati e mi hanno chiesto se potevano accomodarsi a casa mia. Io stavo al piano terra e Anna Corona al secondo piano. Loro sapevano che era casa mia perché hanno anche commentato le foto dei miei parenti appese al muro".

Su via Pirandello 55 a Mazara del Vallo oggi sono tornati a essere puntati gli occhi di tutta Italia. Perché da settimane, da quando è esplosa mediaticamente la pista russa di Olesya Rostova - poi smentita - le segnalazioni e i colpi di scena sul caso della bimba scomparsa si sono moltiplicati.

L'ultima porta a Scalea (Cosenza). Ma Denisa, la 19enne di origine rom segnalata alle forze dell'ordine per la somiglianza ha smentito: "Sono disposta a fare il test del DNA se dovesse servire, ma non sono io Denise Pipitone. Sono nata il 4 maggio del 2002 da una famiglia romena, sono cresciuta in Romania fino a 7 anni, nel 2009 con mia mamma sono venuta in Italia e ho iniziato la scuola qui". 

Le indagini sono ripartite e carabinieri e vigili del fuoco una settimana fa avevano fatto un'ispezione nella casa di Anna Corona per scandagliare anche un pozzo. E c'era chi aveva ricordato che all'epoca, dopo la sparizione della bimba, clamorosamente l'appartamento della donna non era stato controllato. Accorato l'appello di Piera Maggio, mamma di Denise: "Chi sa ora parli".

Leggi anche:

Denise Pipitone e gli altri: "Ecco come si cercano oggi gli scomparsi"

Denise Pipitone: si riparte dalla nomade di Milano